Luglio: da un estremo all’altro

Il prossimo periodo sarà caratterizzato da fasi anticicloniche subtropicali intervallate da pericolose sortite nord atlantiche

Andrea Tura di Andrea Tura

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

stagionali-luglio-2017.jpg

Carta delle anomalie termiche a 850hPa (1500 m) previsto dal modello climatologico CFS V2 con elaborazione Datameteo per il mese di luglio 2017
Fonte foto: DataMeteo.com

Una probabile fase climatica movimentata potrebbe interessare il mese di luglio, con alcune sortite instabili, anche violente, in opposizione a fasi calde e stabili africane più o meno lunghe, per una stagione abbastanza capricciosa e poco statica.

Il mese di giugno è iniziato con una fase calda e stabile di stampo estivo innescata da un'onda in arrivo dal cuore africano, che si annienterà in molte fasi da infiltrazioni instabili in discesa dall’area artica. I vortici ciclonici in oggetto avranno difatti modo di sfruttare i varchi aperti sul bordo orientale delle alte pressioni presenti alle alte latitudini. 
Ottime affidabilità delle stagionali per il mese in corso viste anche le simulazioni modellistiche, con un clima per giugno normalmente non dominato da lunghi periodi anticiclonici, con fasi calde assolutamente presenti, ma alleviate da altre instabili e fresche. 
 

Focus Italia: luglio estremo dall’africano ai forti temporali

Per luglio è atteso un contesto costruito sulla falsa riga dell’attuale, diviso a blocchi con forti ondate di calore in estensione dal Nord al Centro-Sud e fronti temporaleschi molto violenti, con alcune fasi addirittura sotto le medie del periodo contraddistinte da accumuli precipitativi localmente ben oltre i livelli tipici del mese.
La circolazione atmosferica prevalente vedrà quindi un quadro caldo ed umido in alcune fasi, temporalesco e più mite in altre.

Italia settentrionale

Il mese di luglio potrebbe evolvere, nella sua prima parte, sotto l’egemonia anticiclonica, con cieli sereni e clima afoso, con i pochi disturbi pomeridiani confinati sui rilievi. Al termine della prima decade potrebbero già affacciarsi violenti temporali con grandine, più insistenti sui settori alpini orientali, al momento solo lambiti quelli occidentali. 
La fase centrale del mese sarà improntata verso un clima variabile con rovesci sparsi, seguito da una temporanea tregua estiva.
L'ultima parte continuerà con una impronta variabile ed umida sulle occidentali, meglio invece sulle orientali. I temporali diverranno man mano più forti sul Trentino e Veneto, con crollo termico diffuso.
Il mese di luglio nel complesso trascorrerà con un clima in media o a tratti sotto e precipitazioni ben distribuite anche oltre le medie.
 

Italia centrale

Come per le regioni settentrionali, anche le centrali vedranno nella sua prima parte cieli sereni e clima afoso, pochi disturbi ad evoluzione diurna sui rilievi della dorsale appenninica. Temporali più insistenti si faranno strada al termine della prima decade, con locali grandinate sulle aree nord-appenniniche e rilievi del Centro.
La fase centrale del mese sarà improntata su un clima maggiormente dinamico, con rovesci sparsi accompagnati da una temporanea tregua estiva, ove le temperature torneranno entro la norma.
Il fine mese mostrerà un quadro sempre variabile ed umido sui settori tirrenici, meglio invece su quelli adriatici sottoposti a venti caldi di scirocco e picchi di 35 °C, ma temporanei.
Forti temporali per tutti negli ultimi giorni, in particolare sulla fascia appenninica e zone orientali in genere, ove si attende un calo termico importante.
Il mese di luglio verrà quindi interessato da un clima in media o leggermente sopra e precipitazioni anche oltre le medie.
 

Italia meridionale

L’alta pressione aprirà il mese anche sulle regioni del mezzogiorno, garantendo cieli sereni e clima a tratti afoso; pochi disturbi pomeridiani localizzati sui rilievi. 
La prima decade chiuderà all’insegna dei temporali, che diverranno a tratti violenti ed accompagnati da possibili grandinate, in particolare sulle aree appenniniche e zone interne, ma senza toccare la parte estrema meridionale.
La fase centrale del mese sarà improntata verso un clima variabile con rovesci sparsi, seguito da una temporanea tregua estiva con termiche entro le medie del periodo.
Luglio chiuderà i battenti con maggiori infiltrazioni instabili in arrivo dai quadranti occidentali, con temperature in temporanea risalita; meglio invece sui settori orientali, con venti caldi di scirocco e picchi di 37 °C.
Seguirà un calo termico parziale, ma diffuso, con alcuni piovaschi a fine fase.
Il mese di luglio si presenterà nel complesso con un clima leggermente sopra la media e precipitazioni nella norma del periodo.
 

Tendenza successiva per i prossimi mesi in Italia

Dalle ultime analisi la stagione estiva potrebbe presentarsi dinamica e non ai massimi livelli di sempre. Le ondate calde africane saranno comunque presenti, ma si mostreranno poco efficaci nella durata, intervallate da frequenti fasi instabili e precipitazioni anche sopra alla norma: una stagione nel complesso leggermente sottotono.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: DataMeteo.com

Autore:

Tag: meteo tendenza meteo mensile

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 250.575 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner