Vespa cinese: è allarme nell'Appennino bolognese

Confagricoltura Bologna chiede una deroga per consentire ai produttori di castagne bio trattamenti fitosanitari. Se ne parlerà domani, 31 gennaio, a Vergato (Bo) al convegno "Cavar le castagne dal fuoco: problemi e prospettive per la castanicoltura"

Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

castagne-castagno-by-photolife95-fotolia-750.jpg

Vergato (Bo), 31 gennaio
Fonte foto: © photolife95 - Fotolia

E’ allarme vespa cinese: un serio rischio per la castanicoltura bio dell’Appennino bolognese. A tutela dei produttori e dell’intero comparto, scende in campo anche Confagricoltura Bologna. “Il piano di controllo biologico della vespa cinese o Dryocosmus kuriphylus, avviato dalla Regione, non ha portato ai risultati sperati. Chiediamo pertanto una deroga che consenta ai produttori di castagne bio di effettuare trattamenti con prodotti fitosanitari durante il mese di maggio, periodo in cui si registra il picco massimo di casi”.

E’ questo l’appello lanciato da Confagricoltura Bologna alla vigilia del convegno “Cavar le castagne dal fuoco: problemi e prospettive per la castanicoltura” - in programma domani 31 gennaio a Vergato (Bo) - nel quale verrà affrontata la grave fitopatia della vespa cinese alla presenza, tra gli altri, dell’assessore regionale all’Agricoltura, Simona Caselli e del presidente dell’Unione Appennino Bolognese, Romano Franchi.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 238.837 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner