RAME A DOSI RIDOTTE CON TEPAN 55 CU

Il successo di un prodotto frutto della ricerca della divisione Agritech Company di Guaber

E’ considerato il meglio in materia di lotta alle malattie fungine. Il suo ridotto impatto ambientale ne fa un fitofarmaco in grado di assicurare maggiori vantaggi

Questo articolo è stato pubblicato oltre 16 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

aGRITECHpic.jpg

Grazie alla sua particolare formulazione, Tepan 55 Cu, nuovo prodotto a basso contenuto di rame della divisione Agritech Company di Guaber, favorisce l’utilizzo di dosi di impiego ridotte.

Può essere utilizzato in qualsiasi stadio vegetativo della pianta, compresa la fioritura, senza provocare fenomeni di fitotossicità. Il rame rappresenta l’unico mezzo di difesa biologica contro Peronospore e altre malattie fungine e batteriche, come l’Erwinia amilovora, fungendo da batteriostatico.

Tepan 55 Cu è un prodotto a basso impatto ambientale: non lascia residui, ha reazione neutra nella fermentazione del vino e non sporca, inoltre, è attualmente quanto di meglio si possa utilizzare nella lotta alle malattie fungine perché non seleziona ceppi resistenti, non lascia residui e non sporca, ha un’azione biostimolante sulla vegetazione, è neutro per la fermentazione e le qualità organolettiche del vino, frena lo sviluppo dei funghi del legno responsabili del mal dell’esca.

Il basso apporto di rame per trattamento (90-120 g/ha) è in perfetto accordo con le ultime direttive comunitarie in materia di agricoltura biologica.

Lo scorso anno, infine, l’utilizzo su colture a indirizzo biologico di Tepan 55 Cu in alcune aziende agricole della provincia di Verona, ha portato a risultati più che soddisfacenti sulle diverse coltivazioni. Il prodotto infatti si è dimostrato pienamente efficace alle dosi di 150-200 ml/hl con trattamenti ogni 7-8 gg.

 

Per informazioni: Guaber – Funo (BO) – tel. 051/6649111 – fax 051/6649241 – e-mail: info@guaber.it

Fonte: Agronotizie

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 202.542 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner