Biomasse lignocellulosiche: dalla combustione alla gassificazione supercritica

Una panoramica sulle tecnologie attualmente disponibili e le ricerche in corso. A cura di Mario A. Rosato

Mario A. Rosato di Mario A. Rosato

Tecnica
Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

impiantopilota-pirolisi-e-produzione-biochar-fonte-www-refertil-info.jpg

Impianto pilota di pirolisi e produzione di biochar utilizzato durante il progetto di ricerca Refertil
Fonte foto: © Refertil

L’utilizzo della biomassa è sicuramente uno dei pilastri delle politiche europee per il raggiungimento degli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra per il 2020.
Esistono però due alternative di trasformazione tecnologica della biomassa: il suo utilizzo puramente energetico ed il suo utilizzo come materia prima sostitutiva del petrolio per la produzione di materie plastiche, solventi, lubrificanti ed altri prodotti industriali.

In questo articolo passeremo in rassegna le tecnologie attualmente disponibili e le ricerche in corso per consentire lo sfruttamento energetico delle biomasse lignocellulosiche, ritenute le più sostenibili in quanto solitamente si tratta di prodotti di scarto, non in competizione con la produzione alimentare. La scarsa biodegradabilità della lignina, componente per il 25 ÷ 30% delle biomasse legnose, comporta che la sua trasformazione industriale sia quasi esclusivamente limitata ai processi di tipo fisico-chimico.

Si definiscono tre livelli di tecnologia di sfruttamento energetico delle biomasse lignocellulosiche, detti di prima, di seconda e di terza generazione, i quali analizzeremo nel documento scaricabile:
  • Tecnologia di prima generazione: la combustione
  • Tecnologia di seconda generazione: la pirolisi
  • Tecnologie di terza generazione: la gassificazione , il trattamento supercritico e la saccarificazione enzimatica
Scarica il pdf


L’impianto di produzione di etanolo mediante processo enzimatico di Crescentino (VC), il primo al mondo costruito con una tecnologia ibrida (pretrattamento termico-meccanico per separare la lignina, saccarificazione enzimatica e successiva fermentazione), la quale consente l’utilizzo di materie lignocellulosiche provenienti da diversi tipi di piante
© www.betarenewables.com

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: innovazione ricerca biomasse

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 221.690 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner