Schmack Biogas attiva il 20° impianto italiano

Nel corso dell’estate, collegati alla rete e consegnati tre impianti, ed altri otto sono in costruzione

Questo articolo è stato pubblicato oltre 7 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

schmack_biogas.jpg

Nel corso della tarda primavera e dei primi giorni dell’estate, Schmack Biogas ha collegato alla rete altri tre impianti, collaudati e consegnati poi nei mesi successivi, portando così il totale dei propri impianti attivi in Italia a 20.

Il primo dei tre impianti ad entrare in funzione è stato quello da 999 kW realizzato a Serravalle a Po (Mn) per conto di Serravalle Energia S.A. lo scorso 15 aprile, ed inaugurato il successivo 11 giugno, alla presenza delle autorità locali e con un’ottima partecipazione da parte della popolazione, invitata a visitare - nell’occasione – l’impianto.

Il 5 maggio è stata la volta del primo parallelo per l’impianto dell’azienda agricola Fausto Caccialanza a Somaglia (Lo). Anche in questo caso si tratta di un impianto EUCO® Titan da 999 kW: ciascuno dei due impianti produrrà annualmente l’energia sufficiente a coprire le esigenze di circa 2000 nuclei famigliari.

Il 20° impianto italiano è stato invece realizzato a Castelverde (Cr), per l’azienda della famiglia Premi, ed ha prodotto energia per la prima volta il 28 giugno. Si tratta di un impianto COCCUS® Titan da 625 kW, alimentato a liquami bovini e colture energetiche.

Ad oggi sono poi otto gli impianti in costruzione: due in Piemonte, uno ciascuno in Lombardia, Friuli-Venezia Giulia, Emilia Romagna, Marche, Molise e Campania, confermando così Schmack Biogas come azienda leader su tutto il territorio nazionale.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 195.866 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner