Terzo impianto a Pieve d'Olmi per Schmack Biogas

Cominciati i lavori per il terzo impianto di biogas per la società Horti Padani. Sarà operativo a inizio 2011

Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

Pieve_d_Olmi_schmack biogas.jpg

Horti Padani società agricola s.s. di Piergiorgio Scarani & C. di Pieve d’Olmi (Cr) ha commissionato a Schmack Biogas la realizzazione del terzo impianto biogas della società. 

Accanto ai due impianti da 972 kW ciascuno avviati nel corso del 2009, e realizzati sempre dalla società bolzanina, ne sta 
dunque sorgendo un terzo, della potenza di 999 kW. I lavori di costruzione sono già iniziati, e la centrale sarà in grado di 
raggiungere il pieno regime di funzionamento nei primi mesi del 2011. 
 
Nella composizione, l’impianto sarà uguale agli esistenti: un fermentatore a flusso continuo EUCO® da 1000 m3 e due 
postfermentatori COCCUS® da 2400 m3 ciascuno. Nei digestori i batteri trasformeranno la biomassa prodotta da Horti 
Padani (liquami suini ed insilato di mais) in biogas, che un cogeneratore trasformerà poi in energia elettrica e calore
 
Sono oramai otto gli impianti realizzati da Schmack Biogas già attivi in Italia, per un totale di 7,63 MW di potenza installata, 
tre dei quali hanno immesso per la prima volta energia in rete nel corso del 2010. Con quello di Pieve d’Olmi salgono 
invece a sei gli impianti in costruzione, per ulteriori 5,62 MW.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 187.533 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner