Gestione della flora spontanea in coltivazioni ortoflorovivaistiche

La giornata dimostrativa è organizzata dall'Alsia, domani, 3 novembre, a Montescaglioso (Mt)

Questo articolo è stato pubblicato oltre 2 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

alsia-gestione-flora-spontanea-20161103.jpg

Montescaglioso (Mt), 3 novembre 2016

Il 3 novembre è in programma a Montescaglioso (Mt) la giornata dimostrativa intitolata "Gestione sostenibile della flora spontanea nelle coltivazioni ortive (diserbo meccanico)" nell’ambito delle attività di divulgazione dell’Alsia.
Lo scopo è quello di evitare l’uso di erbicidi chimici e ridurre notevolmente la penosità e onerosità del lavoro manuale (sarchiatura, scerbatura o rincalzatura con zappa), aumentandone la produttività.

Si mostrerà il funzionamento e i vantaggi dell’uso di una particolare attrezzatura innovativa, molto versatile e in grado di effettuare diverse lavorazioni del terreno con colture in atto, sia sulla fila che nelle interfile. Le colture potenzialmente interessate a questo tipo di lavorazioni sono le ortoflorovivaistiche. La dimostrazione sarà realizzata in un’azienda che applica il metodo biodinamico, appartenente alla rete di Agricoltura Vivente, nata dopo la visita curata dall’Alsia, di Alex Podolinsky, esponente della cultura biodinamica.

L'evento si rivolge a tecnici-ricercatori e a imprenditori agricoli, i partecipanti avranno modo di osservare sia il funzionamento delle attrezzature che conoscere, se lo vorranno, gli altri mezzi e le tecniche utilizzati nelle aziende biodinamiche.

In caso di condizioni climatiche avverse si effettuerà solo la presentazione dell’attrezzatura mentre la lavorazione del terreno sarà rinviata di qualche giorno.

Confermare la partecipazione a giuseppe.mele@alsia.it oppure a biologicomele@gmail.com

Per maggiori informazioni clicca QUI

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 191.610 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner