Puglia, Consorzi di bonifica commissariati impongono nuovamente il tributo 630

L'operazione è di dubbia costituzionalità secondo Confagricoltura Puglia, poiché nessun agricoltore del Salento e del Centro della regione sarebbe tornato a ricevere benefici dalle opere in stato di abbandono. Di parere contrario l'assessore Pentassuglia

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

canale-di-bonifica-invasto-da-alberi05feb2018coldiretti-puglia.jpg

L'assessore regionale all'Agricoltura promette una riforma degli enti al più presto
Fonte foto: © Coldiretti Puglia

In Puglia non c'è pace per gli utenti dei quattro Consorzi di bonifica commissariati del centro e del sud della regione - Arneo, Stornara e Tara, Ugento Li Foggi, Terre d'Apulia: non ci sarà infatti nessuna revoca o sospensione del pagamento del tributo 630 emesso da questi enti di bonifica, mentre, invece, dovrebbe partire al più presto possibile la riforma degli enti. È quanto emerso la scorsa settimana nel Consiglio regionale della Puglia durante la seduta della Commissione consiliare agricoltura e attività produttive, presieduta da Francesco Paolicelli, convocata su richiesta del capogruppo de La Puglia Domani Paolo Pagliaro, al fine di ottenere delle risposte chiare sulla possibilità di sospendere il tributo, sollecitata da diversi sindaci del Salento. E subito si è fatta sentire la replica di Confagricoltura Puglia, per la quale il presidente Luca Lazzàro ha ribadito la "illegittimità in assenza di beneficio" del tributo 630, come sancito dalla sentenza della Corte costituzionale 188/2018.

Alla seduta hanno partecipato l'assessore regionale alle Politiche agricole Donato Pentassuglia, il commissario dei consorzi commissariati Alfredo Borzillo, i direttori dei Consorzi di Ugento Li Foggi e di Arneo Antonio Bruno e Vito Caputo e i sindaci dei comuni di Nociglia, Botrugno, Giuggianello, Sanarica, San Cassiano, Supersano, Surano, Galatone, Casarano, Matino, Ugento e Cutrofiano.
 

I sindaci, senza beneficio niente tributo

I sindaci intervenuti hanno stigmatizzato il fatto che non si può pagare un contributo di bonifica senza avere in cambio le opere di bonifica, chiedendo quindi la sospensione del tributo ritenuto ingiusto dai cittadini che non ne beneficiano di alcun servizio.
 

Il commissario Borzillo, lavori ormai ripresi, tributo va pagato

Massima attenzione ad ogni istanza è stata espressa dal commissario Borzillo, considerato che la materia è delicata e complessa, ma sostenendo anche che la prima legge di riforma in materia della passata legislatura ha dato una svolta importante. Borzillo ha sottolineato come siano ripresi i lavori per la manutenzione dei canali, abbandonati da 11 anni a causa della sospensione dei tributi, ma ci si aspetta adesso che vengano riconosciuti i numerosi passi avanti.

In merito alla richiesta di sospendere il tributo, Borzillo ha spiegato che la tassa emessa non è un canone che può essere sospeso, ma è la costituzione di provvidenze necessarie per poter effettuare i lavori, e non può ritenersi giustificata la pretesa di effettuare prima i lavori e successivamente pagare il tributo. Sul punto è intervenuto anche il direttore Bruno dell'area agraria del Consorzio Ugento li Foggi, il quale ha chiarito che il pagamento del tributo 630 interessa solo i cittadini proprietari di immobili ricadenti nei 500 chilometri di reticolo idrico consortile e qualora dovessero essere emesse delle cartelle da parte del Consorzio per un pagamento non dovuto, si provvederà all'annullamento. In virtù di ciò, sono stati esortati i comuni attraversati dal reticolo, affinché venga fatta una valutazione esatta, comune per comune, dei benefici idraulici goduti in maniera diretta e specifica.
 

Pentassuglia, Consorzi vanno riformati, tributo si paga

Alla luce dei rilievi fatti dagli auditi, l'assessore Pentassuglia ha ribadito la necessità di riformare i consorzi e informare i cittadini che il tributo va pagato anche quando il beneficio non è diretto. In più, l'assessore si è dichiarato pronto al dialogo con i territori e le associazioni di categoria, approfondendo il discorso nella sua globalità, disposto a rivedere i piani di classifica e a lavorare sinergicamente con serietà senza preclusioni, anche sul ruolo che i consorzi possono svolgere col mondo agricolo e imprenditoriale.
 

Lazzàro (Confagricoltura), non ci sono benefici, stop a cartelle esattoriali

Il presidente di Confagricoltura Puglia è intervenuto sull'esito dell'audizione della Commissione consiliare agricoltura e attività produttive. "È bene che si discuta e si prenda atto della questione - ha detto Luca Lazzàro, presidente di Confagricoltura Puglia -. Quello che di certo non è un bene è che si continui a vessare gli agricoltori pugliesi con il tributo 630, la cui illegittimità in assenza di beneficio è stata sancita dalla Corte costituzionale. Durante la seduta i commissari dei consorzi hanno invitato a fare ricorso nel caso qualcuno ritenga che il balzello non sia dovuto. Premesso che, di certo, gli imprenditori agricoli pugliesi non hanno bisogno del beneplacito di nessuno per far valere i loro sacrosanti diritti, oggi a Confagricoltura Puglia risulta che nessun agricoltore abbia avuto benefici dall'opera dei consorzi commissariati. Per questo, la questione va affrontata, per il bene, di tutti in chiave politica e non nelle aule dei tribunali, nelle quali i consorzi di bonifica commissariati dovrebbero motivare l'ostinata e ingiustificata richiesta fatta a danno degli imprenditori pugliesi".

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: AgroNotizie

Autore:

Tag: politica agricola consorzi di bonifica politiche regionali

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 260.178 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner