Sicilia, rese del grano duro a 50 quintali per ettaro

La siccità invernale, accompagnata dalle pur scarse piogge primaverili, ha favorito rese ben oltre le medie recenti, con punte di 70 quintali. Per Cia Sicilia Occidentale resta il problema dei bassi prezzi all'origine

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

trebbiatura-grano-duro-gangi-19-lug-2020-cia-sicilia-occidentale.jpeg

La sottovalutazione rispetto ai prezzi del resto d'Italia fa sperare in una ripresa
Fonte foto: © Cia Sicilia Occidentale

Questa volta la siccità invernale ha contribuito a risollevare le sorti del grano duro, che si sta trebbiando in Sicilia in queste settimane nella zona delle Madonie. L'assenza di piogge a gennaio, unita ad alcune precipitazioni arrivate nel momento giusto nei mesi successivi, a queste quote ha innalzato le rese rispetto a un anno fa, portandole sopra i livelli medi. Secondo una prima stima, inoltre, la qualità è ottima, ma resta il nodo sui prezzi, calato rispetto all'anno precedente.

I dati raccolti dalla Cia Sicilia Occidentale rilevano una resa di 40-50 quintali di grano duro per ettaro nella zona delle Alte Madonie, con punte di 70 quintali nell'area di Tremonzelli. Nella stessa area, la resa del frumento coltivato in regime biologico si aggira invece sui 30-35 quintali, sempre per ettaro. Un bel salto in avanti, sul piano numerico, rispetto ad un anno fa quando - dati Istat - negli 80mila ettari di terra coltivata a grano duro nella provincia palermitana la resa è stata di 26 quintali, per un totale di 2,1 milioni di quintali raccolti.

Archiviata in maniera positiva la partita su quantità e qualità, adesso i produttori devono affrontare la solita battaglia sui prezzi. "Come ogni anno, alla vigilia della trebbiatura, in Sicilia sono sbarcate navi con enormi quantità di grano che - secondo Cia Sicilia Occidentale - hanno di fatto abbassato il prezzo, che dai 310 euro alla tonnellata è passato a 260 euro, secondo i dati Ismea riferiti a fine giugno".

Molto basso anche il prezzo del grano bio - secondo Cia - che accusa solo una lieve differenza con il prezzo del grano duro semplice.

"Ci aspettiamo che il mercato riesca ad offrire ai nostri produttori di grano un prezzo che consenta di recuperare le grosse perdite delle ultime due annate", ha commentato Antonino Cossentino, presidente della Cia Sicilia Occidentale. "Chiediamo alla Regione - ha aggiunto Cossentino - di tenere alta la guardia sui flussi di grano che arrivano in Sicilia, di dubbia provenienza e di dubbia qualità. Oltre a immettere nel mercato un prodotto ben al di sotto degli standard del grano duro siciliano, le quantità di frumento importato influiscono negativamente sull'economia dei produttori siciliani, esponendoli ai rischi del mercato".

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: AgroNotizie

Autore:

Tag: cerealicoltura biologico prezzi mercati politiche regionali

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 239.478 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner