Aipp: Gianfranco Romanazzi è il nuovo presidente

Giacinto Germinara è stato eletto vicepresidente e Silvia Toffolatti entra nel direttivo dell'Associazione italiana protezione delle piante

romanazzi-gianfranco-aipp-2020.jpg

Il professor Gianfranco Romanazzi

Cambio ai vertici dell'Associazione italiana protezione delle piante. Il Consiglio direttivo ha eletto all'unanimità nuovo presidente il professor Gianfranco Romanazzi dell'Università politecnica delle Marche, già vicepresidente; il neoeletto succede al professor Emanuele Mazzoni.

"Siete invitati a portare proposte ed esigenze - ha dichiarato il professor Romanazzi nella sua prima lettera da presidente ai soci - che con il vostro contributo attivo il direttivo proverà a declinare in azioni concrete, come si sta già facendo con i webinar, su argomenti relativi alla protezione delle piante, l'apertura di canali e gruppi di discussione sui social, la collaborazione con Giornate fitopatologiche per i Bilanci fitosanitari ed altre attività in programma, che mi farà piacere condividere con voi".

Il professor Giacinto Germinara dell'Università di Foggia è stato nominato vicepresidente di Aipp ed è stato ratificato l'ingresso nel direttivo di Silvia Toffolatti dell'Università di Milano.

Con il rinnovo dei vertici del direttivo, l'Aipp è tornata nella piena operatività e proseguirà nel solco già tracciato dal dimissionario professor Mazzoni, che i membri del direttivo hanno ringraziato per l'impegno dimostrato nei mesi del suo mandato.

L'elezione del suo vicepresidente, del resto, assicurerà continuità nelle attività già programmate ed avviate, che Romanazzi ha voluto sinteticamente riproporre al direttivo:
  • Fornire servizi agli associati e ai soci potenziali
  • Intercettare le necessità dei territori nel campo della protezione delle piante
  • Avere una particolare attenzione per i giovani
  • Promuovere le interazioni con altre società, associazioni ed istituzioni.
Prossimo appuntamento con gli iscritti dell'Aipp sarà l'Assemblea ordinaria, in programma per il 27 luglio, che sarà realizzata in videoconferenza e che pertanto, come per i webinar, consentirà un'agevole partecipazione a tutti i soci.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 239.048 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner