Psr Campania, a 30 milioni dal target di spesa 2019

Il Programma centrerà l'obiettivo di azzerare la soglia di disimpegno automatico del Feasr, grazie allo scatto della spesa pubblica da oltre 60 milioni di euro del mese di novembre. Il dato è emerso a Napoli durante il Comitato di vigilanza del 4 dicembre

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

caputodiascocomitatosorveglianzapsr04dic2019regionecampania.jpeg

In foto al centro, il consigliere delegato, Nicola Caputo e a destra l'Autorità di gestione, Filippo Diasco, mentre comunicano i risultati del Psr Campania
Fonte foto: © Regione Campania

"Grazie al lavoro di questi ultimi mesi" - ha affermato Nicola Caputo, consigliere delegato per l'Agricoltura del presidente Vincenzo De Luca e assessore all'Agricoltura della Regione Campania - il Programma di sviluppo rurale Campania 2014-2020 è destinato, nel giro di pochi giorni, a centrare l'obiettivo di spesa pubblica necessario ad azzerare la soglia di disimpegno automatico del Fondo europeo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale.

La notizia è stata data nel corso del Comitato di Sorveglianza del Psr Campania 2014-2020, tenutosi il 4 dicembre scorso a Napoli, e con il quale la Regione Campania ha illustrato lo stato di attuazione del Programma ai rappresentanti della Commissione europea, dei ministeri coinvolti e del partenariato economico, sociale ed istituzionale.


Gli obiettivi raggiunti dal Psr Campania

"Il raggiungimento del target di spesa è questione di giorni e grazie alle proposte di modifica e rimodulazione finanziaria del Psr presentate all'Ue, da cui attendiamo un riscontro positivo, puntiamo ad allineare il Programma alle esigenze dei territori e dei nostri comparti di punta" ha inoltre sottolineato Caputo.

Filippo Diasco, direttore generale per le Politiche agricole, alimentari e forestali della Regione Campania e Autorità di gestione del programma, ha evidenziato: "Il Psr Campania ha raggiunto i target del Performance Framework (di qualità della spesa N.d.R.) su tutte le priorità e al 2 dicembre la spesa pubblica erogata risulta pari a più di 650 milioni: per centrare il target di spesa 2019 fissato dall'Unione europea restano dunque da certificare 30,8 milioni entro il 31 dicembre".

Un obiettivo a questo punto divenuto fattibile, visto che stando a quanto esposto in Comitato di sorveglianza, la spesa pubblica del Psr Campania 2014-2020 tra il primo novembre e il 2 dicembre 2019 è cresciuta di almeno 65,2 milioni di euro, rispetto ai dati Agea coordinamento, aggiornati al 31 ottobre e resi noti da Rete rurale nazionale il 25 novembre 2019. Ma c'è di più: il raggiungimento congiunto degli obiettivi quantitativi di spesa e di qualità della spesa stessa, aprono le porte alla possibile assegnazione di una premialità in conto Feasr alla Campania.

L'Autorità di gestione ha inoltre ricordato che l'importo totale dei bandi emessi è pari a "quasi 1.600 milioni, pari al 87,8% del totale della dotazione finanziaria del Programma" che ammonta a 1812,5 milioni di euro, e che fa del Psr Campania il secondo d'Italia per importo di spesa dopo il Psr Sicilia, mentre "le risorse impegnate, derivanti dai decreti di approvazione delle graduatorie uniche regionali e dalle misure a superficie, superano i 1.500 milioni".


Le modifiche e la rimodulazione finanziaria chiesta a Bruxelles

"Sono particolarmente soddisfatto delle proposte presentate all'Ue - ha sottolineato Caputo - perché sono il risultato della condivisione con gli attori del mondo agricolo e dello sviluppo rurale e rappresentano risposte efficaci ai bisogni in particolare delle aree interne e di filiere strategiche come quella bufalina".

"In particolare abbiamo chiesto all'Unione di poter incrementare la dotazione finanziaria, per l'annualità in corso, di 60 milioni per la misura 13 dedicata agli agricoltori che operano in zone svantaggiate, come le aree interne, e dove sono presenti vincoli naturali o di altro tipo, e si rendono necessari per il mantenimento dell'agricoltura in queste zone" ha detto Caputo.

Altro incremento di dotazione finanziaria, pari a 38 milioni è stato richiesto per la misura 14 per il benessere degli animali e che "assume grande importanza per le nostre aziende zootecniche, in primis per quelle del comparto bufalino – ha spiegato Caputo - e si potranno così finanziare tutte le oltre 800 domande di sostegno presentate in seguito al bando emanato nel 2017, che registrò un'adesione di gran lunga superiore alle risorse appostate".

"Con questa proposta di modifica oltre a confermare l'importanza che la Regione riconosce al comparto zootecnico e alla filiera bufalina, si ribadisce la volontà di favorire l'adesione delle nostre aziende a sistemi di qualità per qualificarne i processi e le produzioni migliorando la tracciabilità dei prodotti anche nell'ottica di assicurare una sempre maggiore sicurezza alimentare ai consumatori" ha concluso il consigliere delegato.


Psr 2021-2027, puntare sui giovani

Sul nuovo Psr Caputo ha detto: "Punteremo soprattutto sui giovani, cui dobbiamo garantire un accesso più agevole all'agricoltura, e sulle aree interne, che, se adeguatamente valorizzate e potenziate sul fronte delle infrastrutture, possono contribuire ad un sviluppo equilibrato e sostenibile della nostra regione".
 

Confagricoltura, ora un nuovo programma più adeguato

"Ringrazio il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca e tutti i consiglieri delegati per essere riusciti a gestire un Psr Campania 2014-2020 non idoneo a rispondere alle esigenze del territorio campano, raggiungendo ugualmente gli obiettivi di performance ed a breve anche di spesa per evitare il disimpegno automatico del Feasr anche nel 2019 - è intervenuto Fabrizio Marzano, presidente di Confagricoltura Campania a margine del Comitato di sorveglianza, che ha poi aggiunto - Confagricoltura si impegnerà per redigere una nuova Programmazione più adeguata alle esigenze del mondo produttivo e del territorio per assicurare un vero sviluppo alla nostra regione".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 218.065 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner