Psr Sicilia, un recupero di spesa da 60 milioni di euro

Sbloccata una serie di attesi pagamenti sulle misure a superficie e a capo, in particolare su biologico e suo mantenimento, indennità compensative e conversione dei seminativi in pascoli permanenti

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

banconote-soldi-euro-by-wolfilser-fotolia-750.jpeg

Bandiera: 'Recuperato gran parte dell'arretrato nei pagamenti di queste misure'
Fonte foto: © Wolfilser - Fotolia

La Regione Siciliana tra fine novembre e i primi di dicembre avvia pagamenti per il Programma di sviluppo rurale Sicilia 2014-2020 per oltre 60 milioni di euro sulle misure a superficie e - senza calcolare altri pagamenti già effettuati e da fare a breve - porta la spesa ancora necessaria ad azzerare il rischio del disimpegno automatico a poco più di 76,4 milioni di euro, stando all’avanzamento di spesa reso noto da Agea coordinamento il 25 novembre e attestato al 31 ottobre 2019.
Nella scorsa settimana, secondo una nota dell’assessorato all’Agricoltura della Regione Siciliana ”Agea ha emesso ben cinque provvedimenti che sbloccano il pagamento di alcune importanti misure del Programma di sviluppo rurale Sicilia 2014-2020, per un importo complessivo di oltre 60 milioni di euro in favore di 5.791 aziende agricole siciliane”.

Nello specifico lo sblocco da parte dell’organismo pagatore nazionale Agea riguarda le seguenti misure del Psr Sicilia:
  • Misura 10.1.C “Conversione e mantenimento dei seminativi in pascoli permanenti” per un importo pari a quasi 18,3 milioni di euro a favore di 1.746 beneficiari;
  • Misura 10.1.B “Metodi di gestione delle aziende ecosostenibili” per oltre 4,6 milioni di euro a favore di 944 beneficiari;
  • Misura 11 “Agricoltura biologica” interamente liquidata per un importo di 16,4 milioni con ben 4.777 beneficiari a valere sui bandi emessi nel 2015 e 2016;
  • Misura 11 “Agricoltura biologica” quasi 11 milioni relativamente al bando emesso nel 2019 con 3.548 beneficiari;
  • Misura 13.1.1 “Indennità compensative nelle zone montane per le sole aziende zootecniche” oltre 9,7 milioni di euro per 4.330 beneficiari.

“Sin dalla data dell’insediamento del Governo di Lello Musumeci, intervenuto due anni fa, il blocco delle erogazioni relative alle annualità pregresse del Psr era la prima vera e più grande calamità che colpiva le aziende agricole siciliane – afferma l’assessore per l’Agricoltura Edy BandieraDal nostro insediamento, grazie ad un lavoro costante, anche con i Centri assistenza agricola delle organizzazioni di categoria e come da impegno mantenuto, attraverso l’attivazione di una task force esclusivamente dedicata a questa gravissima problematica, abbiamo recuperato non solo gran parte dei ritardi accumulati nel passato, come ci confermano le migliaia di agricoltori destinatari dei pagamenti, ma anche erogato gli anticipi relativi alle misure a superfice per l’anno 2019”.

Per altro resta viva in Sicilia una situazione di criticità sull’avvio dei pagamenti del Pacchetto giovani del Psr, che vede ancora una situazione di ritardo, e che il 14 novembre scorso ha portato ad una manifestazione di protesta di Coldiretti Sicilia nelle strade di Palermo.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: AgroNotizie

Autore:

Tag: pagamenti diretti politica agricola bandi Psr politiche regionali

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 210.160 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner