Psr Marche, il bando per la promozione dei prodotti certificati

Aperte fino al prossimo 6 dicembre le domande per finanziare le attività promozionali destinate a consorzi e associazioni di agricoltori per prodotti Dop e Igp, le produzioni biologiche e i marchi QM e Prodotto di montagna

Questo articolo è stato pubblicato oltre 2 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

agroalimentare-by-monticellllo-fotolia-750.jpeg

Agroalimentare, aperto nelle Marche il bando per la promozione dei prodotti certificati
Fonte foto: © monticellllo - Fotolia

E' aperto nelle Marche il bando per finanziare azioni di promozione dei prodotti agroalimentari certificati denominato: 'Sostegno alle attività di informazione e di promozione attuate da gruppi di produttori nel mercato interno'.

Il bando è attivato sulla sottomisura 3.2 del Psr e ha come obiettivo quello di rendere competitivi i prodotti di qualità certificati, aumentando il valore aggiunto delle loro produzioni, aumentando la visibilità e l'informazione verso i consumatori sempre più attenti e interessati a queste tipologie di prodotti.

La dotazione finanziaria complessiva è di 2,1 milioni di euro, di cui 1,8 milioni ad uso esclusivo delle aree colpite dal terremoto.

I prodotti di qualità certificata per cui è possibile fare promozione sfruttando il bando sono i prodotti Dop, Igp e Sgt, i vini Doc, Docg e Igt e le bevande spiritose a denominazione di origine, i prodotti da agricoltura biologica e i prodotti a marchio QM Qualità Marche e i prodotti a marchio 'Prodotto di montagna'.

Come beneficiari il bando si rivolge ai consorzi e a tutte le associazioni di produttori quale che sia la forma giuridica delle associazioni stesse, che potranno usare i finanziamenti per progetti di promozione solo all'interno del territorio dell'Unione europea.

Il finanziamento coprirà il 70% delle spese ammissibili con un contributo in conto capitale che può arrivare fino a un massimo di 1 milione di euro per soggetto.

Il contributo può essere utilizzato per organizzazione e partecipazione a fiere ed eventi, attività informative e di comunicazione con vari mezzi dalla carta al web, realizzazione di campagne promozionali all'interno di ristoranti, supermercati e strutture ricettive e le spese generali, compreso il costo del lavoro degli operatori coinvolti nelle campagne nel limite dell'8% del totale.

Le domande dovranno pervenire tramite il portale Siar entro le ore 13:00 del 6 dicembre 2018, per maggiori dettagli e informazioni si rimanda al testo completo del bando e alla pagima web dedicata.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 262.563 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner