Le Marche portano la rassegna degli oli monovarietali a Fico

La regione insieme all'Assam ha organizzato la quindicesima edizione che vede in mostra gli extravergini monovarietali di tutta Italia nel parco agroalimentare di Bologna, con grande partecipazione di aziende e di pubblico

olio-extravergine-oliva-by-luigi-giordano-fotolia-750.jpeg

Oli monovarietali, a Fico la 15 rassegna nazionale organizzata dalla regione Marche
Fonte foto: © Luigi Giordano - Fotolia

La rassegna nazionale degli oli monovarietali, organizzata dalla regione Marche insieme all'Assam, l'agenzia per i servizi al settore agroalimentare delle Marche, festeggia i suoi 15 anni e lo fa a Fico, a Bologna.

Una manifestazione che ha visto una grandissima partecipazione delle aziende, con sessanta che hanno presentato le loro eccellenze e guidato il consumatore nella biodiversità olivicola caratteristica dell'Italia. 

"Siamo soddisfatti dei risultati e della visibilità conseguiti attraverso la manifestazione ideata dalle e nelle Marche che ha raggiunto una rilevanza nazionale di indubbio prestigio, divenendo un appuntamento fisso per tutto il mondo degli olivicoltori – ha detto l'assessore regionale all'Agricoltura Anna Casini – La presenza a Fico ha valorizzato ulteriormente l'evento, all'interno di una cornice e di un palcoscenico tra i più prestigiosi della biodiversità italiana". 

Per Casini le Marche hanno aperto un importante solco a livello di qualità, di eccellenza e di recupero della varietà autoctone e intendono portare avanti un ruolo da capofila in questo percorso, creando sinergie con altre regioni e istituzioni a livello nazionale, per valorizzare ancor più la biodiversità olivicola e gli oli certificati.

Un percorso avviato quindici anni fa, come ha ricordato l'assessore, che ha visto l'Assam in prima linea nello studio di caratterizzazione e valorizzazione degli oli monovarietali, portando alla costituzione di una banca dati, unica al mondo, che contiene dati analitici e sensoriali di 3.063 campioni, rappresentativi di 173 varietà. 

Tra gli eventi promossi vanno segnalati il seminario di aggiornamento sugli oli monovarietali e il gioco a squadre 'Indovina la varietà' giunto all'11esima edizione, una vera e propria sfida di destrezza tra i migliori nasi d'Italia per riconoscere otto varietà autoctone, tra le più note, sulla base dei profumi e dei sapori che le contraddistinguono. 

Tra gli altri appuntamenti in seno all'evento che hanno riscosso interesse ci sono stati il dibattito 'L'olio monovarietale è troppo…biodiverso?', la presentazione della guida degli oli monovarietali d'Italia e il percorso guidato 'Profumi e sapori degli oli monovarietali' per favorire un consumo più consapevole dell'olio extravergine di oliva.

La manifestazione si è conclusa con la consegna dei riconoscimenti ai produttori, targhe per gli oli di eccellenza e varietà autoctone di nuova presentazione alla rassegna e attestati di eccellenza per i campioni che hanno ottenuto un punteggio al panel test maggiore o uguale a 8. 

Riconoscimenti che per le aziende marchigiane sono andati all'oleificio Chiodi di Pierelli Romina, di Castelplanio in provincia di Ancona per la migliore Ascolana tenera e all'oleificio F.lli Mosci di Mosci P. & C. snc di San Marcello sempre a Ancona per la migliore Raggia, tra l'altro certificata Igp Marche.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.533 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner