Psr, il Centro Nord va a due velocità

Continua la progressione di regioni come il Veneto, l'Emilia Romagna, l'Umbria e le province autonome di Trento e Bolzano. Arrancano ancora Marche, Abruzzo e soprattuto Friuli e Liguria

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

soldi-euro-banconote-by-marco-scisetti-fotolia-750.jpeg

Continua l'avanzamento di spesa Psr delle regioni Centro-Nord
Fonte foto: © Marco Scisetti - Fotolia

Continua il report di Rete rurale nazionale relativamente alla situazione di avanzamento della spesa pubblica del Programma di sviluppo rurale. Per quanto riguarda il Centro-Nord, la Provincia di Bolzano rimane ben salda al primo posto per percentuale di spesa già erogata, ovvero il 39,63%, pari a oltre 143,3 milioni di euro. A seguire c’è il Veneto, con una forte progressione nell’ultimo mese, capace di arrivare al 32,53% del proprio budget. Più staccata la Provincia di Trento con il 23,44%, pari a 69,7 milioni di euro.

Oltre la soglia del 20% c’è l’Umbria, con 192,4 milioni di euro erogati ai propri agricoltori, mentre lievemente più sotto, in termini percentuali, c’è l’Emilia Romagna, con il 19,32% di budget già coperto, pari a 226,9 milioni di euro. Segue a ruota la Toscana, con il 18,28% della spesa, pari a 173,5 milioni di euro. Queste sono le regioni che sono a rischio di disimpegno automatico nullo. Successivamente troviamo le altre regioni del Centro Nord che rischiano di lasciare per strada risorse importanti.

Troviamo la Lombardia, con il 16,49% della spesa, paria 188,4 milioni già liquidati agli agricoltori, mentre poco più giù c’è il Piemonte, con il 15,43% della spesa, ovvero 166,5 milioni di euro. In doppia cifra ci sono anche la Valle d’Aosta, con una percentuale del 12,87%, pari a 17,6 milioni di euro liquidati, mentre poco sopra il 10% c’è il Lazio, con il 10,48%, pari a 86,1 milioni di euro già pagati agli agricoltori.

Più difficili le situazioni per le Marche, con solo l’8,73% del budget investito, pari a 60,8 milioni di euro. Peggio fa l’Abruzzo con il 7,06% di spesa già erogata, equivalente a poco più di 33,8 milioni di euro. Maglie nere non solo del Centro-Nord ma di tutta l’Italia rimangono il Friuli Venezia Giulia (6,14%) e la Liguria (5,59%), dove il rischio di disimpegno automatico è molto elevato.

Leggi anche l'approfondimento del Sud

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.475 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner