Pomodoro da industria, l'accordo non piace ai produttori

Prezzo fissato a 79,75 euro a tonnellata, insufficiente secondo le associazioni agricole, che ammettono lo scarso potere contrattuale delle organizzazioni di prodotto

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

Questo articolo è stato pubblicato oltre 2 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

pomodoro-industria-pomodori-by-illustrez-vous-fotolia-750.jpeg

Pomodoro da industria, chiuso l'accordo quadro fra produttori e industria di trasformazione
Fonte foto: © Illustrez Vous - Fotolia

Nella serata di martedì 7 marzo si sono chiuse le trattative relative all’accordo quadro 2017 sul pomodoro da industria del Nord Italia. Il prezzo, prefissato a 79,95 euro a tonnellata, varrà però esclusivamente con una produzione non superiore a 1.700.000 tonnellate, con una penalità di 20 euro a tonnellata in caso di sforamento della soglia. Le associazioni agricole sono sul piede di guerra.

La chiusura dell’accordo 2017 oltre che tardiva è anche pessima – commenta il presidente di Coldiretti Emilia Romagna Mauro Tonellocome risulta chiaramente dalla fissazione di un prezzo che non consente la remunerazione adeguata del prodotto e lascia solo lavoro e rischi a carico degli agricoltori”.

Con le regole attuali l’accordo non lascia spazio agli agricoltori – continua Tonello – le organizzazioni di prodotto non hanno nessun potere contrattuale e sono organismi che, sostenendosi economicamente sulla base dei quantitativi di pomodoro che contrattano, non guardano più la redditività e gli interessi dei produttori. Come Coldiretti continueremo a lavorare per cambiare questo sistema e introdurre strumenti diversi, come il distretto, e regole diverse, come l’introduzione dell’origine obbligatoria per tutti i derivati del pomodoro”.

Il trend è negativo, negli ultimi due anni si va dai 92 ai 79,75 euro a tonnellata – spiega Gianni Tosi, presidente di Confagricoltura Emilia Romagna gli agricoltori non posso accettare una decurtazione del prezzo di questo livello, pari al 15%. Ci auguriamo che le Op sappiano quantomeno programmare le superfici coltivate necessarie per ottenere i quantitativi produttivi previsti dall’accordo”.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: organizzazioni agricole organizzazioni di produttori accordo filiera

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 206.904 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner