Ai Georgofili l'incontro "Food law, globalisation and governance"

Il diritto alimentare sarà al centro dell'incontro che si terrà a Firenze, nella sede accademica, il prossimo giovedì 24 novembre, ore 9.00

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

agroalimentare-formaggi-salumi-verdure-by-brebca-fotolia-3744x5616.jpg

Firenze, 24 novembre 2016
Fonte foto: © Brebca - Fotolia

Giovedì 24 novembre alle 9.00 si svolgerà nella sede dell’Accademia dei Georgofili di Firenze un incontro su: “Food law, globalisation and governance”, organizzato in collaborazione con Associazione italiana diritto alimentare e Università degli Studi della Tuscia - Master in diritto alimentare, in occasione della pubblicazione della seconda edizione di European and global food law.
 
La crescente globalizzazione del commercio ha reso evidente la necessità di adottare regole che, se per molti prodotti si limitano a una standardizzazione, nel caso degli alimenti assumono aspetti del tutto peculiari. D’altra parte i cibi sono merci diverse dalle altre, poiché soddisfano un bisogno ineludibile ed hanno la peculiarità di entrare in noi stessi per sostentarci.
Inoltre si tratta, spesso, di prodotti caratterizzati da ricette tradizionali; sicché una radicale standardizzazione, quale realizzata per i prodotti meccanici, non sarebbe possibile, pena la perdita di peculiarità tradizionali cui il consumatore non vuole rinunciare. Da ciò l’emergere di regole che mirano, essenzialmente, ad assicurare da un lato la food security e la food safety, dall’altro a garantire al consumatore che la ricetta alla base del prodotto sia rispettata.

La forte regolazione introdotta dall’Unione europea ha reso l’Europa esemplare sotto questo profilo, al punto che sin dagli Accordi di Marrakech le norme “universali” sulla produzione e circolazione degli alimenti e sulla loro sicurezza appaiono largamente modellate sulle regole del cibo adottate nell’Unione europea.
Gli studi di diritto alimentare hanno così assunto crescente rilievo, scientifico ed applicativo, al punto che, in Italia, che è pur sempre la patria del “mangiar bene” e delle produzioni alimentari di elevata qualità, ai manuali universitari miranti a formare giuristi esperti in materia, si è ben presto affiancata una rivista specializzata, la Rivista di diritto alimentare, accompagnata da altre che trattano del diritto agrario e di quello alimentare, data la contiguità fra le due materie.

A cinque anni dalla pubblicazione del volume European Food Law è sembrato giusto dedicare la seconda edizione all’ European and Global Food Law, così da segnalare già nel titolo che il diritto alimentare europeo per sua natura è oggi al tempo stesso un diritto globale, nella misura in cui assume al suo interno fonti della globalizzazione, e nel medesimo tempo propone modelli, istituti e paradigmi largamente mutuati in altri ordinamenti.

La pubblicazione in lingua inglese, come per la prima edizione, intende rivolgersi ad un’ampia platea, utilizzando l’inglese come lingua veicolare, che faciliti lo scambio di esperienze e conoscenze. A ciò si accompagna, in questa edizione, la contestuale pubblicazione in lingua cinese, in collaborazione con l’Università Renmin di Pechino, a conferma che il diritto alimentare per sua stessa natura è un laboratorio di confronto e scambio di esperienze e di modelli, ben al di là dei confini tradizionali fra sistemi giuridici. 
 
Per maggiori informazioni clicca QUI

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.801 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner