Mipaaf-Ubi Banca, accordo da 2 miliardi di euro

L'obiettivo è agevolare l'accesso al credito delle aziende agricole e agroalimentari. Fra gli interventi una moratoria sugli ammortamenti degli allevatori e il sostegno all'accesso ai Psr

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

soldi-monete-euro-banconote-by-lukas-gojda-fotolia-750.jpeg

2 miliardi di euro per l'agricoltura e l'agroalimentare dall'accordo Mipaaf-Ubi Banca
Fonte foto: © Lukas Gojda - Fotolia

Protocollo d’intesa firmato da Mipaaf e Ubi Banca per agevolare l’accesso al credito delle imprese che operano nel settore agricolo e agroalimentare. L’accordo, valido per il triennio 2016-2018, mette a disposizione un plafond finanziario di 2 miliardi di euro.

L’intesa con Ubi Banca è un ulteriore passo in avanti per semplificare il rapporto tra istituti bancari e imprese – sottolinea il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martinarilanciando anche la specializzazione del credito agrario. I 2 miliardi di stanziamento previsti da Ubi rientrano così tra quegli interventi sul fronte della liquidità e permetteranno alle nostre aziende di programmare le attività con maggiore sicurezza e crescere sui mercati. In altre parole aiutano a ridare fiducia. Questo vuol dire investire. Creare nuove opportunità, anche occupazionali, soprattutto per i nostri giovani, che guardano con sempre più interesse a questo settore. Particolare attenzione viene data anche a un settore che sta affrontando una fase di crisi come quella allevatoriale. Credo sia rilevante la disponibilità a estendere la moratoria dei debiti delle imprese lattiere che è contenuta nel protocollo”.

Il settore agroalimentare è strategico per la nostra economia e ha un potenziale enorme che dobbiamo sfruttare – continua Martina – come governo siamo al fianco delle imprese con strumenti e azioni concrete: dal credito agevolato alle misure contenute nell’ultima legge di stabilità, con 800 milioni di investimenti e taglio delle tasse per oltre il 25%”.

L’obiettivo del plafond creditizio è quello di affiancare le imprese agricole e agroalimentari nei loro piani di investimento e supportare le loro esigenze di liquidità anche alla luce dell’avvio dei nuovi Psr. Fra i principali interventi, si va dagli interventi di sospensione e allungamento previsti dalla misura “Imprese in ripresa”, alla rimodulazione piani di ammortamento, passando per la “moratoria capitale Ubi” per gli allevatori.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 260.702 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner