Le prossime sfide della zootecnia

Benessere animale, sostenibilità ambientale e garanzia delle produzioni animali "made in Italy" al centro degli obiettivi del sistema allevatori per il prossimo triennio. Se n'è discusso all'assemblea annuale dell'Associazione allevatori (Aia)

nocentni-presidente-aia.jpg

A snistra il presidente di Aia, Roberto Nocentini, e al suo fianco il direttore generale Roberto Maddé

"In vista dell'ultimo anno del mandato associativo iniziato nel luglio 2016, chiudiamo oggi una serie di adempimenti tecnici riguardanti le necessarie modifiche statutarie di Aia (Associazione italiana allevatori) nei suoi rapporti con le associate territoriali e di razza: si apre ora una stagione nuova, nella quale tra gli impegni prioritari sottolineo l'importanza di dedicarci tutti alla maggior formazione dei nostri tecnici, che saranno impegnati sempre di più non solo nelle attività di controllo ma in un'azione di assistenza alle aziende e agli allevatori a più ampio raggio".
Con queste parole il presidente dell'Aia, Roberto Nocentini, ha aperto i lavori dell'assemblea ordinaria e straordinaria dell'Associazione italiana allevatori che si è svolta in questi giorni a Roma.


Giro di boa

A fianco del presidente Nocentini, il direttore generale di Aia, Roberto Maddé, che conferma come quello attuale costituisca un "giro di boa" importante che pone le basi delle attività e della struttura associativa per il 2019, ma anche per le annate successive.

In questo periodo, infatti - hanno ricordato sia Nocentini sia Maddé - si sono tenute e si stanno ancora tenendo la maggioranza delle assemblee delle associate, con la ridefinizione anche della composizione dei rispettivi organismi direttivi.


Gli obiettivi

"Continuerà il nostro impegno nella formazione e informazione - ha detto tra l'altro il presidente Nocentini - soprattutto sui temi importanti quali il benessere animale, la sostenibilità ambientale della zootecnia, la garanzia sulle produzioni originate dagli allevamenti made in Italy".

"In questo contesto - ha aggiunto il direttore generale Maddé - particolare importanza abbiamo riservato e daremo anche nei prossimi mesi alla valorizzazione dell'azione di 'garanzia etica' intrapresa con il disciplinare di Aia, certificato dal Dipartimento Qualità Agroalimentare (Dqa), 'Gli allevamenti del benessere', che ha visto crescere in quest'anno le adesioni di allevamenti e aziende oltre che della Lombardia e del Lazio, della Basilicata, dell'Emilia-Romagna e da ultimo anche della Campania. Importante anche ai fini della costituzione del nostro bilancio sociale".

"Inoltre, sul versante della formazione, sottolineo quanto di positivo fatto con le iniziative seminariali ed i meeting della Rete dei laboratori del sistema allevatoriale, ormai consolidate, e l'importante opportunità che deriverà dalla partnership di Aia nel 'Polo di formazione per lo sviluppo agro zootecnico' inaugurato di recente presso l'azienda Maccarese, che partirà con la sua attività formativa proprio nel 2019 e con il contributo di docenti e tecnici di Aia".

"Infine, ricordo anche l'avvio del Progetto Leo inerente la creazione di una banca dati unica informatica e le sinergie che esso comporterà con altri nostri campi d'azione".
 

Le sfide da affrontare

Nella sua relazione, il presidente Nocentini ha colto poi l'occasione per segnalare anche altre tematiche che dovranno esser poste all'attenzione fin da subito: "Da allevatore, sono assolutamente consapevole delle importanti sfide che ci troveremo davanti a breve su questioni quali l'applicazione del Modello 4 elettronico e della ricetta veterinaria elettronica, mentre vorrei ricordare lo sforzo comune che abbiamo fatto anche in quest'anno dibattendo in varie iniziative pubbliche nel territorio i temi dell'uso responsabile del farmaco, dell'antibioticoresistenza, dello stress da caldo nelle bovine, della difesa della redditività negli allevamenti e nella tutela della biodiversità animale, un altro patrimonio sul quale il sistema allevatoriale ha messo in campo tutte le proprie energie".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.669 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner