Allarme influenza aviaria in Veneto

Due casi in allevamenti di tacchini fra Venezia e Padova. Pronte le misure per contrastare l'espandersi del virus, compreso l'abbattimento di oltre 40mila animali. Nessuna conseguenza per l'uomo

Angelo Gamberini di Angelo Gamberini

Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

tacchino-hlit.jpeg

Sono virus ad alta patogenicità quelli riscontrati negli allevamenti di tacchini colpiti dall'influenza
Fonte foto: hilt

A fine dicembre  2016 un episodio di influenza aviaria registrato in un volatile selvatico in provincia di Gorizia. Poi a inizio gennaio 2017 un altro caso in un fischione (Anas penelope) nei pressi della laguna di Grado. Il primo dovuto al ceppo H5N5 ad alta patogenicità, il secondo al sottotipo H5N8, anch'esso ad alta patogenicità.
Sono i primi allarmi tempestivamente confermati dal centro di referenza nazionale per l'influenza aviaria presso l'Istituto Zooprofilattico delle Venezie.
A questi due episodi ne seguivano nella seconda settimana di gennaio altri, sempre in volatili selvatici.

Colpito un allevamento
Il 21 gennaio il virus ha poi fatto ingresso in un allevamento intensivo di tacchini a Mira, in provincia di Venezia. Le analisi hanno confermato che anche in questo caso si era di fronte ad un ceppo, l'H5N8, ad alta patogenicità e subito sono scattate le misure di polizia veterinaria atte a prevenirne la diffusione.
Per gli oltre ventimila tacchini presenti è stato necessario l'abbattimento e contemporaneamente l'istituzione delle zone di protezione e di sorveglianza (3 e 10 chilometri di raggio) intorno al focolaio.

Secondo focolaio
A questo primo focolaio ne ha fatto seguito il 23 gennaio un secondo, sempre dello stesso ceppo H5N8. Come nel caso precedente si tratta di un allevamento di tacchini in Veneto, al confine fra Piove di Sacco e Campagna Lupia, nei pressi della laguna di Venezia.
Nei sei capannoni di questo allevamento sono presenti oltre 22mila capi.
Anche in questo caso si è reso necessario l'abbattimento di tutti gli animali e come sempre in questi casi anche la definizione delle aree di protezione e sorveglianza.

Interventi rapidi
La prontezza di questi interventi dovrebbe scongiurare l'ulteriore diffondersi del virus, ma è opportuno che gli allevamenti delle zone interessate seguano scrupolosamente tutte le misure di prevenzione che le autorità sanitarie suggeriscono in questi casi.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: veterinaria avicoli influenza aviaria

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 271.100 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner