Basilicata, la transumanza diventa attrattore turistico

Presentata a Potenza la Festa della Transumanza nel quadro di Expo ed in preparazione di Matera 2019

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

ottati-michele-assessore-agricoltura-basilicata-2015-fonte-regione-basilicata.jpg

Michele Ottati, presidente di Officina per la competitività europea
Fonte foto: Mimmo Pelagalli

Il dipartimento Politiche agricole della Regione Basilicata sostiene, insieme a Matera 2019, la V edizione della Festa della Transumanza che si terrà a San Martino D’Agri il 27 e 28 giugno prossimi.

Ieri la presentazione dell’evento a Potenza a cura dell’associazione “Allevatori del Parco – Briganti custodi del territorio” in collaborazione con l’Officina della competitività europea. E la festa della transumanza punta trasformarla in attrattore turistico ed è anche motivo per rilanciare il concetto di aggregazione tra gli allevatori, sempre più necessario in questa fase di ristrutturazione del mercato, come ha ricordato dall’ex assessore Michele Ottati.
 
 “Il sostegno del dipartimento Agricoltura – ha sottolineato il direttore generale del dipartimento Agricoltura, Giovanni Olivasi inserisce nell’ambito del progetto Da Expo ai territori, che mira ad ampliare l’attrattività della regione agganciando nuovi target di turismo. Siamo particolarmente interessati alle iniziative a sostegno della vacca Podolica lucana come in questo caso – ha detto ancora Oliva. Il nostro simbolo all’Expo è il corno podolico, dono che riserviamo ai nostri partner illustri che vengono in Basilicata”.
 
Per Michele Ottati, presidente onorario dell’Officina della Competitività europea, partner del progetto, la transumanza rappresenta un attrattore naturale per la regione, a costo zero. “Sarà l’occasione – ha detto Ottati - per valorizzare un’antica tradizione, e per far riflettere gli allevatori sull’importanza di costituirsi in organizzazioni di produttori,  per valorizzare  la podolica una delle cinque razze bovine riconosciute dal ministero”.
 
Nel corso della manifestazione il dipartimento Agricoltura sarà presente con diversi attori che stanno lavorando in sinergia con la Regione sull’educazione alimentare e sulla promozione dei prodotti lucani. Tra queste l’associazione “Di Gioia” che si occuperà della parte ludica della festa, con giochi e attività sportive per disabili, e l’Unione Regionali Cuochi Lucani per la valorizzazione della carne lucana, derivati del latte e formaggi. In ultimo l’Istituto tecnico Agrario di Marconia, selezionato dal Miur nell’ambito di "Expo e Territori", che sta lavorando in attività di informazione con i suoi studenti sulle peculiarità organolettiche delle carni lucane.

Il 27 giugno la partenza della mandria da Sant'Arcangelo, in un percorso di 40 km per arrivare a San Martino D’Agri, dove sono previste due giornate. Un evento –  è stato sottolineato nel corso della presentazione -  che ha visto il coinvolgimento di  19 comuni, una festa diventata un vero e proprio format e che permetterà di stimolare a una riflessione collettiva sulle antiche tradizioni, con convegni e laboratori artigianali.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: sviluppo rurale expo 2015 zootecnia

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner