Anabio, necessario un nuovo piano nazionale per le sementi biologiche

La Cia, con la sua associazione per il settore bio, assieme a Aiab, Firap e Rete semi rurali, chiede una nuova strategia per aumentare la quantità, la qualità e la varietà delle sementi

semi-sementi-by-science-photo-fotolia-750.jpeg

Sementi biologiche, per le associazioni del settore serve una maggiore quantità, qualità e varietà
Fonte foto: © science photo - Fotolia

Aumentare la quantità, la qualità e la varietà delle sementi biologiche. E' questo il punto centrale di un incontro organizzato a Roma nei giorni scorsi dalla Cia, e dal suo ramo di riferimento per settore dell'agricoltura biologica Anabio.

Una iniziativa a cui hanno partecipato anche l'Associazione italiana agricoltura biologica Aiab, la Federazione italiana per la ricerca in agricoltura biologica Firab e la Rete semi rurali.

Come hanno fatto notare gli organizzatori dell'iniziativa, oggi la maggior parte dei semi disponibili sul mercato, e quindi utilizzati anche in agricoltura biologica, proviene da varietà selezionate per altri modelli agricoli e spesso riprodotte con metodo convenzionale.

Inoltre, nonostante una importante crescita delle superfici e degli operatori biologici, superiore al 20%, si registra una forte contrazione nella disponibilità di sementi per questo tipo di agricoltura. Un calo di disponibilità che da un lato può essere attribuito all'aumento della domanda, ma anche dal fatto che la produzione di sementi biologiche è in calo.

Si è infatti ridotta la superficie destinata alla moltiplicazione di sementi biologiche, passando in Italia da 10.600 ettari nel 2009, a soli 7.500 ettari nel 2013, con una contrazione che gli ultimi dati disponibili attestano al 30%.

L'obiettivo proposto è quindi quello di chiedere al Mipaaf la stesura di un nuovo piano nazionale per le sementi biologiche per mettere a disposizione delle imprese, nel medio periodo, materiale riproduttivo in qualità e quantità adeguate.

Per Dino Scanavino, presidente nazionale della Cia, la disponibilità sul mercato di sementi biologiche certificate di qualità, è fondamentale per lo sviluppo del comparto, soprattutto considerando che a livello europeo, le aziende agricole che si riproducono autonomamente le sementi sono solo il 50% per la semina dei cereali e meno dell'1% per le colture orticole.

Per la Cia, un primo sostegno dovrà arrivare dalla attivazione della Banca dati delle sementi biologiche, che sarà resa disponibile sul Sistema informativo biologico e conterrà l'elenco delle specie e varietà di sementi prodotti in biologico disponibili sul mercato nazionale e relativi fornitori.

Ma il problema non è soltanto la disponibilità quantitativa, ma anche l'aspetto qualitativo delle sementi e delle varietà delle piante.

E per andare verso un miglioramento della qualità delle sementi e realizzare anche nuove varietà, Cia, Anabio e Aiab sostengono il miglioramento genetico partecipativo, con la collaborazione di agricoltori, tecnici e ricercatori, per selezionare piante che rispondano ai bisogni degli agricoltori, adattandosi ai diversi contesti ambientali e climatici e ai diversi sistemi colturali.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 191.525 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner