Luglio: a tratti caldo, ma con forti temporali

La calura in questa stagione estiva potrebbe presentarsi meno incisiva della scorsa

Andrea Tura di Andrea Tura

cfs-meteo-previsioni-luglio-2020.jpg

Carta delle anomalie termiche a 850hPa (1500 m) previsto dal modello climatologico CFS V2 con elaborazione Datameteo per il mese di luglio 2020
Fonte foto: DataMeteo.com

La prossima fase climatica verrà contraddistinta da parentesi calde di moderata durata, seppure molto intense, intervallate da affondi freschi ed instabili, anche con fenomeni a tratti forti ed a carattere temporalesco.

Il mese di maggio ha ricalcato fedelmente la tendenza elaborata nel precedente appuntamento, con flussi piuttosto caldi che hanno colpito a più riprese il Sud e parte del Centro, mentre affondi freschi spesso presenti sul comparto europeo sud-occidentale. Il mese di giugno ha anch'esso sofferto, anche in base ai forecast modellistici, di frequenti disturbi instabili specie nella sua prima parte, seguiti da crescenti fasi più stabili e calde proprio nell'ultima decade.
Il mese successivo di luglio potrebbe invece dover fronteggiare ondate di caldo temporaneamente molto intense, anche se non mancheranno diversi break con forti temporali; cali termici associati ai locali fenomeni renderanno il mese più sopportabile rispetto alle passate stagioni.
 

Comparazione con il precedente outlook

Questa fase stagionale verrà contraddistinta dalle tipiche ondate di caldo estive, ma anche da parentesi a tratti instabili. Il mese di luglio non sarà pertanto esente dalle invasioni di aria molto calda, ma pare non vi siano i presupposti per la classica stazionarietà delle vaste aree anticicloniche.
Con buone probabilità un canale instabile in arrivo dai quadranti nord-occidentali potrebbe minare a più riprese la stabilità del Mediterraneo, ove avremo di conseguenza flessioni termiche e forti temporali.
 

Italia settentrionale

Il mese di luglio potrebbe aprire sotto il segno dell'instabilità, con rovesci e temporali in particolare a ridosso dei rilievi alpini e prealpini.
L'arrivo dell'anticiclone ripristinerà l'egemonia estiva al termine della prima settimana, avviando una fase stabile e molto calda sino a ridosso del giro di boa mensile.
Nello step successivo, complice un sistema frontale, potremo avere bruschi cali dei valori termici, con forti temporali specie su Romagna e settori nord-orientali.
Nell'ultima settimana del mese, dopo una iniziale fiammata calda, è previsto un ritorno dell'instabilità pomeridiana con una flessione termica.
Luglio verrà nel complesso caratterizzato da fasi comunque calde, anche se non mancheranno parentesi fresche con temporali più insistenti sui settori orientali.
 

Italia centrale

Anche per le regioni del Centro, la prima settimana verrà caratterizzata da un quadro nel complesso instabile con rovesci e temporali specie a ridosso dei rilievi. Alla fine della prima settimana è previsto un netto miglioramento, con una fase stabile e molto calda che si protrarrà sino a metà mese con valori massimi fino a 33-35°C.
Un sistema frontale, dopo aver raggiunto le aree settentrionali, farà il suo ingresso anche sulla parte centrale della penisola, innescando un cospicuo calo delle temperature, con forti temporali in transito sui settori appenninici.
Nell'ultima parte del mese, dopo una iniziale fiammata a tratti torrida, tornerebbe rapidamente l'instabilità pomeridiana, seguita da una flessione termica.
Luglio si mostrerebbe generalmente caldo, ma non mancheranno parentesi più fresche refrigeranti con temporali presenti specialmente sui settori adriatici.
 

Italia meridionale

Variabilità ad evoluzione diurna interesserà i primi giorni di luglio, con rovesci e temporali specie a ridosso dei rilievi di Calabria e Basilicata. L'alta pressione non tarderà ad arrivare e già alla fine della prima settimana sopraggiungerà una fase stabile e molto calda con valori termici massimi fino a 34-35°C.
Anche il Mezzogiorno verrà disturbato nello step successivo da un sistema frontale, che nella sua azione andrà ad alleviare l'afa e provocherà un calo delle temperature, con temporali in evoluzione su quasi tutte le regioni appenniniche, con un occhio alle grandinate.
Nell'ultima settimana del mese, dopo una iniziale fiammata rovente in particolare sulla Sicilia, aree tirreniche meridionali e settori ionici, arriverà una flessione termica che riporterà le massime in linea con le medie del periodo.
Il mese di luglio verrà quindi caratterizzato da fasi molto calde, ma comunque interrotte da break più freschi e ricambi d'aria.
 

Tendenza per i mesi successivi

Dalle ultime analisi la tendenza estiva verrebbe segnata dagli anticicloni presenti sul Centro-Nord europeo, che tenderanno ad evolvere naturalmente verso Oriente.
Sul Mediterraneo saranno comunque presenti parentesi molto calde, che lasceranno però spazio a molte crepe e pause temporalesche regalandoci anche fasi di fresco e refrigerio. La calura in questa stagione estiva potrebbe quindi presentarsi meno incisiva della scorsa.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: DataMeteo.com

Autore:

Tag: meteo tendenza meteo mensile

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 232.911 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner