Nocciole, presto un piano di rilancio

Lo ha detto il ministro Zaia dopo l'incontro con le rappresentanze nazionali del comparto corilicolo

Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

nocciolo-nocciole-macro-byflickrcc20-steffenz.jpg
“Stiamo lavorando al Piano di rilancio del settore corilicolo. Per la prima volta si sono riuniti tutti i protagonisti della filiera. L’incontro è stato molto positivo e pone la basi per trovare al più presto una risposta alle esigenze strutturali, anche alla luce della politica agricola comunitaria”.
Il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Luca Zaia ha espresso soddisfazione in merito al recente incontro con le rappresentanze nazionali del comparto corilicolo, che si è tenuto nei giorni scorsi al Mipaaf.
 
Il compito di raccogliere le proposte che faranno parte del Piano nazionale è stato affidato a un Gruppo di lavoro, coordinato dal Mipaaf, formato da rappresentanti della filiera. Durante l’incontro sono state affrontate problematiche commerciali ed economiche del settore, aspetti tecnici e fitosanitari legati alla specificità delle diverse aree di coltivazione nazionali.
Si è poi cercato d’individuare strategie di valorizzazione, comunicazione e promozione, e priorità di ricerca.
“Il mercato delle nocciole occupa un posto importante nell’economia di alcune regioni del nostro Paese – ha continuato Zaia -. Vogliamo investire in questo settore per promuovere le nostre nocciole di qualità anche sui mercati internazionali”.
 
All’incontro erano presenti Campania, Lazio, Piemonte e Sicilia, enti di ricerca regionali e del MiPAAF, le facoltà di Agraria della Tuscia (Vt), di Torino, Catania, Perugia e Piacenza, le Confederazioni agricole, le organizzazioni professionali, l’Associazione nazionale Città della Nocciola, le associazioni dei produttori, delle industrie di trasformazione e del commercio.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 186.986 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner