Ricerca e innovazione per l'olivicoltura meridionale

Convegno internazionale sui risultati del Progetto Riom. Organizzato dal Cra - Centro di ricerca per l'olivicoltura e l'industria olearia di Rende. Rende, 11/12 giugno 2009

Questo articolo è stato pubblicato oltre 10 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

progetto riom.png
Il progetto “Ricerca ed innovazione per l'olivicoltura meridionale” (Riom), finanziato dal Mipaaf con risorse Cipe e Coordinato dal Cra - Centro di Ricerca per l'olivicoltura e l'industria Oolearia di Rende (Cs), ha l'obiettivo di
contribuire a migliorare la competitività del comparto olivicolo-oleario delle regioni meridionali attraverso programmi di ricerca e trasferimento delle innovazioni capaci di far conseguire assetti produttivi compatibili con le prospettive di mercato. Scopo del progetto è promuovere ricerche e studi per uove e più approfondite innovazioni e conoscenze nei vari ambiti disciplinari relativi all'olivicoltura e all'elaiotecnica, che facilitino la ricaduta delle acquisizioni tecnico-scientifico presso le imprese e sviluppino sistemi di produzione di oli vergini di oliva più economici e competitivi, sostenibili, sicuri, tracciabili e di alta qualità, adatti alle realtà olivicole delle regioni meridionali, in grado di favorire lo sviluppo rurale e multifunzionale delle imprese olivicolo-olearie di tali regioni.
 
Questo convegno finale, che si svolgerà l'11 e il 12 giugno 2009 a Rende intende illustrare tutti i risultati ottenuti per una efficace divulgazione e per un effettivo trasferimento delle innovazioni tecnologiche acquisite.
La recente convocazione del “Tavolo di Filiera olivicolo-oleario” presso il Mipaaf e la stesura di un “Piano specifico di settore” alimentano la speranza in strategie ed azioni capaci di rendere più competitiva la filiera. Ciò necessità di scelte coraggiose ed innovative, come ad esempio, il rinnovamento degli oliveti e la ristrutturazione di parte di essi, indispensabile per una maggiore diffusione della meccanizzazione e la conseguente riduzione dei costi di produzione, la valorizzazione degli oliveti plurisecolari, patrimonio storico, paesaggistico e di difesa del suolo, baluardo della biodiversità e depositari di caratteri di resistenza agli stress, l’alta qualità merceologica e salutistica degli oli extravergine, lo sviluppo e la validazione di nuove metodiche analitiche contro le frodi.
 
I risultati del Progetto Riom che saranno illustrati nel corso del convegno forniranno elementi ed indicazioni utili per l’adozione delle importanti decisioni che il Piano di settore dovrebbe adottare.
.
Sala convegni “C. Candiano” C.da Li Rocchi, Rende (Cs) 11-12 giugno 2009.
 
Segreteria organizzativa: CRA - OLI C.da Li Rocchi - 87036 Rende (Cs) Tel. 0984 4052212 Fax 0984 402099 enzo.perri@entecra.it www.entecra.it
 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 221.735 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner