Pivolio: ricerca e qualità per lo sviluppo dell'olivicoltura pugliese

La presentazione dei primi risultati il prossimo 16 maggio a Bari

Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

pivolio-presentazione-2014.jpg

Bari, venerdì 16 maggio, ore 9.30

I primi risultati del progetto Pivolio, finanziato dal ministero dell’Università e della ricerca per la valorizzazione dell’olio extravergine d’oliva, saranno presentati venerdì 16 maggio, ore 9.30, all'Hotel Parco dei principi di Bari.

La battaglia per la qualità dell’olio extravergine di oliva pugliese per combattere frodi e contraffazioni passa attraverso una rete, una squadra composta da coltivatori diretti, centri di ricerca, Università che favoriscono con studi e tecniche all’avanguardia la scelta consapevole del consumatore e la valorizzazione del prodotto sul mercato.

Ad un anno dall’avvio, è tempo di bilanci per Pivolio (Processi innovativi per la valorizzazione dell'olio extravergine di oliva), il progetto finanziato dal ministero dell'Istruzione dell'Università e della ricerca con 4 milioni di euro che mette in sinergia l'Università degli Studi di Bari, l'Università del Salento, il Cnr (Istituto di Fisiologia clinica) di Lecce, il Cra-Oli, Centro di ricerca per l'olivicoltura e l'industria olearia, di Rende (Cosenza), il Consorzio Carso e Oliveti Terra di Bari.

La tavola rotonda  illustrerà i risultati dei primi dodici mesi di lavoro. Moderati da Attilio Romita, caporedattore del Tg3 Puglia, interverranno Gennaro Sicolo (Oliveti Terra di Bari), Angelo Petruzzella (Legacoop), Francesco Paolo Schena (Consorzio Carso), Enzo Perri (Cra-Oli Rende), Antonio Moschetta (Università degli Studi di Bari), Maria Annunziata Carluccio (Cnr Lecce), Andrea Galli (ministero dell’Università e della Ricerca), Enzo Lavarra (responsabile forum agricoltura Pd), Colomba Mongiello (deputato) e Dario Stefano (senatore).

Scarica il programma in formato .Pdf


Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 222.256 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner