Pivot T80 e T90 e telescopici Agri Star Evo2 e Agri Tech Evo2: Dieci ad Agritechnica

Nella Hall 6, stand D31, novità e conferme per Dieci che dal 1982 progetta e costruisce elevatori telescopici

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

agri-star-407-b-dieci-agritechnica-2015.jpg

Elevatore telescopico Agri Star 40.7 Evo2

La produzione Dieci è articolata in 5 macro-categorie: elevatori telescopici (a braccio fisso e rotanti), autobetoniere, dumper e macchine speciali, pale gommate con braccio telescopico. 

Ad Agritechnica, quattro nuovi modelli affiancheranno i Pivot T60 e T70, il Mini Agri 25.6, l'Agri Farmer 28.7 VS P-Ecs, l'Agri Plus 40.7 VS EVO2 e l'Agri Max 60.9 VS EVO2.

Agri Star 40.7 EVO2

È Il primo della serie Agri Star EVO2, prodotta in tre modelli. Agile, potente e compatto telescopico, è studiato per trovare alloggiamento nei container senza la necessità di essere smontato. Potenziato da un motore Kubota Stage 3B/Tier4i con sistema di abbattimento del particolato DPF (Diesel Particulate Filter), è dotato di una trasmissione VS con pompa a portata variabile e motore idrostatico che consente l’accelerazione da 0 a 40 Km/h senza la necessità di cambiare marcia. Agri Star è omologato come Trattrice Agricola per il traino su strada di rimorchi fino a 20 tonnellate con una velocità massima fino a 40 Km/h. La portata massima è di 4.000 kg, l’altezza massima di sollevamento è di 7,35 mt.
 

Agri Tech 35.7 VS EVO2

La famiglia Agri Tech - composta dai modelli Agri Tech 32.9 e Agri Tech 35.7 - presenta macchine compatte e veloci: integrano allestimenti e dotazioni specifiche, rendendole in grado di affiancare in modo particolarmente efficace il trattore in tutte le situazioni di lavoro agro-zootecnico. 

In particolare, Agri Tech 35.7 VS EVO2 ha uno sbraccio massimo di 7 m e solleva fino a 35 q di peso. 
È dotata di una innovativa trasmissione idrostatica VS EVO2 di seconda generazione (Variazione Continua) di marca Dana, composta da una pompa idrostatica abbinata a due motori idraulici a pistoni, studiata per raggiungere elevate velocità su strada (da 0 a 40 Km/h) mantenendo allo stesso tempo una elevata forza di trazione. Una frizione multidisco a bagno d’olio disconnette, al bisogno, uno dei due motori idraulici, mantenendo sempre il massimo livello di efficienza del sistema. Tutte le funzioni della macchina sono gestite elettronicamente con sistema Canbus, che permette una migliore risposta in tempi più rapidi. Il trattamento dei gas di scarico è del tipo SCR (riduzione selettiva catalitica).
4 le modalità di guida: Normal (adatto per gli spostamenti su strada), Eco (ideale per la riduzione dei consumi), Loader (per erogare la massima potenza limitando la velocità) e Creeper (mantiene costante la velocità della PTO indipendentemente dalla velocità di avanzamento). L’utilizzo combinato del motore FPT da 141 Hp, della trasmissione VS EVO2 e della gestione elettronica, permette di ottenere un risparmio di combustibile fino al 20%.
Completano le dotazioni: il sollevatore posteriore con attacco a 3 punti di ultimissima generazione che permette di utilizzare tutte le attrezzature agricole con un’unica macchina, raggiungendo una capacità di sollevamento Cat. 2 di 4000 Kg, la presa di forza meccanica posteriore (PTO), e il dispositivo DSC (Descent Control System) che permette la discesa veloce del braccio anche a basso regime di giri e la risposta istantanea dei comandi, con una ulteriore riduzione dei consumi. In più, il sistema di controllo elettronico di sforzo e posizione consente l’avanzamento su qualsiasi tipo di terreno, regolando automaticamente l’altezza da terra dell’attrezzatura. Agri Tech 35.7 VS EVO2 è dotato anche di sistema flottante e antidumping per ridurre drasticamente le oscillazioni che si avvertono durante la marcia. La particolare posizione, molto vicina all’asse posteriore, garantisce una perfetta stabilità anche in caso di forti sollecitazioni, riducendo al minimo il sollevamento del ponte anteriore. Di grande utilità è la possibilità di bloccare l’oscillazione del ponte anteriore, per svolgere operazioni come elevatore telescopico, oppure di bloccare quello posteriore per gli utilizzi come trattore. Nuovo e performante è il sistema di gestione della presa di forza meccanica da 100 Hp a due velocità (540-1000 Rpm), in grado di trasferire tutta la potenza a disposizione sulle attrezzature. Il cofano motore è stato appositamente studiato per contenere l’emissione acustica e ottimizzare la dispersione del calore. La macchina si propone come un'alternativa ad un trattore di piccola cilindrata, unendo le prestazioni dell’elevatore telescopico a quelle del trattore di piccole dimensioni, consentendo un efficace impiego in ogni ambito del settore agro-zootecnico.

 

Agri Tech 35.7 VS EVO2 ha uno sbraccio massimo di 7 m e solleva fino a 35 q di peso. È dotata di una innovativa...

Posted by Macgest on Martedì 27 ottobre 2015


 

Agri Pivot T80

Caratterizzata per la sua semplicità costruttiva, la compattezza e il basso costo di esercizio, monta un affidabile motore FPT Stage4/Tier4 Final dal 105 Kw, un Diesel Turbo Intercooler raffreddato a liquido con iniezione elettronica common rail, che permetterà l’omologazione al traino per rimorchi fino a 20 tonnellate.
La trasmissione è di tipo idrostatico, composta da una pompa a portata variabile e un motore idrostatico a variazione automatica e continua, che permettono di raggiungere elevate velocità su strada (da 0 a 36 Km/h) senza la necessità di cambiare marcia, mantenendo allo stesso tempo una elevata forza di trazione. Il trattamento dei gas di scarico è del tipo SCR (riduzione selettiva catalitica).
Le dotazioni di sicurezza e sollevamento comprendono un limitatore di carico (per verificare in ogni momento lo sforzo applicato al braccio sollevatore), e il nuovo sistema DCS (Descent Control System), che garantisce la massima velocita di discesa del braccio anche con motore al minimo regime. Agri Pivot è una macchina ideata per operare in sicurezza su terreni accidentati: il sistema di compensazione dei carichi in parallelo, l’altezza al perno e l’elevato gradiente di uscita posteriore (oltre 30°) conferiscono alla macchina buone caratteristiche di marcia su terreno accidentato, gli snodi di articolazione dello sterzo a doppio perno (superiore per i carichi longitudinali e inferiore per i carichi assiali) permettono di ottenere una maggiore stabilità anche con macchina completamente sterzata e braccio alla massima estensione. L’assale posteriore oscillante, anche in condizioni di terreno particolarmente sconnesso o in forte pendenza, garantisce una migliore stabilità e aderenza anche in condizioni estreme di lavoro.

 

Agri Pivot T80Caratterizzata per la sua semplicità costruttiva, la compattezza e il basso costo di esercizio, monta un...

Posted by Macgest on Martedì 27 ottobre 2015


 

Agri Pivot T90

Ultimo modello della serie in ordine di tempo, il nuovo Agri Pivot T90 è il maggiore per peso, dimensioni e prestazioni, progettato appositamente per la grande richiesta sul mercato di una macchina robusta e prestante in grado di svolgere compiti particolarmente gravosi: Agri Pivot T90 infatti, mantiene tutte le innovazioni dei modelli precedenti, ma con prestazioni di lavoro decisamente superiori.
Il braccio di sollevamento (notevolmente irrobustito in modo proporzionale alle maggiori dimensioni della macchina) è disponibile in due versioni: la versione Standard, a 1 sfilo con altezza di sollevamento di 5,8 mt., e una versione maggiorata a 2 sfili, che raggiunge un’altezza di sollevamento di 7metri.

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 195.849 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner