Maschio Gaspardo, nuovo spandiconcime a Sima 2015

"Primo" debutta a Parigi in febbraio. E' dotato di gestione indipendente dell’attivazione e arresto dell’erogazione e dalla variazione del dosaggio

Contenuto promosso da Maschio Gaspardo, Saloni Internazionali Francesi
Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

primo-2.jpg

Primo, nuovo spandiconcime elettronico Maschio Gaspardo
Fonte foto: Maschio Gaspardo

Maschio Gaspardo annuncia la novità 2015 nel campo degli spandiconcime.

Primo, è questo il nome della macchina, farà la sua prima apparizione mondiale al Sima di Parigi in programma dal 22 al 26 febbraio prossimo. Si tratta di un innovativo spandiconcime elettronico con controllo di pesatura capace di assicurare la massima precisione e professionalità nelle operazioni di concimazione a spaglio.


Disponibile in 8 versioni, anche meccanica con regolazione manuale della portata e gestione idraulica della doppia saracinesca, ha una tramoggia di portata variabile da 1.270 a 3.130 litri.
Due
i dischi di distribuzione, per una larghezza di erogazione registrabile tra 24 e 36 metri.

Soluzioni innovative per ogni esigenza
Primo è caratterizzato dalla gestione indipendente dell’azionamento e arresto della distribuzione cui si associa la regolazione della dose distribuita.
La sezione di apertura della saracinesca è stata progettata per limitare l’effetto dose, annullando l'insorgere di minore omogeneità nella distribuzione al variare della portata espressa in chili al minuto del fertilizzante in uscita.
L’erogazione a doppia saracinesca e il dosaggio elettronico con cella di carico, infatti, consentono una distribuzione del fertilizzante uniforme su tutta l’area di lavoro. 


 
Notevole l’autonomia di lavoro, generata dalla elevata capacità della tramoggia ampliabile, attraverso i 3 livelli di sovrasponde, fino a una capacità di 3.200 chili.

Da segnalare tra le soluzioni all'avanguardia che fanno di Primo un valido investimento, il sistema di movimentazione del fertilizzante con testina rotovibrante; i dischi di distribuzione perfettamente bilanciati per evitare vibrazioni dannose e facilmente sostituibili; il sistema di bordatura regolabile che permette una massima direzionabilità del fertilizzante anche in prossimità delle capezzagne e dei corsi d’acqua.

A ciò va aggiunta la scatola di trasmissione completamente lubrificata con grasso e priva di manutenzione oltre alla scelta d’impiego di acciai altoresistenziali per assicurare maggiore affidabilità e durata nel tempo, grazie anche al trattamento di verniciatura a polveri.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 239.099 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner