Con oltre 520 espositori il mondo agricolo è ripartito da Verona, precisamente da Fieragricola 2022. Un format trasversale, ma specializzato, che in questa edizione, la 115esima, ha riservato un focus particolare al digital farming e alle agroenergie.

In quattro giornate la rassegna internazionale biennale ha registrato 68mila operatori professionali da ottanta Nazioni. Arrivate delegazioni organizzate di top buyer stranieri da 29 Paesi target grazie alle iniziative di incoming di VeronaFiere e Ice Agenzia, con il finanziamento del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (Maeci) e la collaborazione di FederUnacoma. Gli operatori esteri sono arrivati per il 72% dall'Europa, il 12% dall'Africa, l'11% dall'Asia e il 5% dall'America.

"Abbiamo visto la prima edizione della Fieragricola del futuro - ha commentato Giovanni Mantovani, direttore generale di VeronaFiere - che ha mostrato il volto di una rassegna riprogettata, rivitalizzata, aggiornata nei contenuti e inserita con una posizione di leadership sui grandi temi del dibattito agricolo europeo.
Il risultato della qualificata presenza di operatori è dovuto a un'attenta politica di incoming, grazie alla quale sono approdati a VeronaFiere quasi 70mila buyer e operatori professionali fortemente interessati aa investire in nuove tecnologie".

"Altro dato interessante - ha continuato - è la presenza internazionale da molte aree target, come Europa ed Est Europa, Nordafrica con Marocco, Tunisia e Algeria, India e Turchia e Centro Sudamerica, dove operiamo già con le nostre società controllate. Una Fiera, quindi, che si conferma orientata al business e di ampia soddisfazione per gli espositori, anche grazie al format sempre più ricco di contenuti innovativi e focus come il digitale e le bioenergie. Un progetto di Fieragricola che ora riparte con grande slancio".

Oltre agli incontri business to business, alle prove dinamiche dei mezzi agricoli e ai concorsi zootecnici, Fieragricola ha dato ampio spazio al confronto tra istituzioni, protagonisti della filiera, aziende, giovani e organizzazioni agricole, con occasioni di incontro e aggiornamento professionale, e con oltre 120 convegni e workshop in programma nei quattro giorni.

Sotto la lente temi di attualità come la riforma della Politica Agricola Comune (Pac), l'aumento dei prezzi delle materie prime, l'autonomia strategica delle produzioni alimentari, il ricambio generazionale e la digitalizzazione nelle imprese agricole, le azioni di contrasto al cambiamento climatico e la sostenibilità economica, ambientale e sociale.

A ribadire l'internazionalità dell'evento, anche il Summit Internazionale dedicato ai sessanta anni della Pac che ha inaugurato il Salone lo scorso primo marzo con l'intervento della presidente del Parlamento Europeo, Roberta Metsola, che ha definito la Fiera "fonte di ispirazione per le nuove generazioni di agricoltori".


Leggi anche
Sessanta anni di Pac, a Verona si discute delle sfide


Nonostante i venti di guerra, a Fieragricola operatori da tutto il mondo hanno testimoniato come l'agricoltura sia un importante ponte di dialogo tra i popoli.

"È responsabilità di tutti noi coltivare la crescita e la pace e, in questo senso, la Politica Agricola Comune ha contribuito per sessanta anni a costruire un'Europa 'united in diversity', unita nelle diversità. Se vogliamo un'Europa più forte dobbiamo puntare a sviluppare le nostre radici agricole, tenendo presenti le necessità del nostro tempo e del futuro che guardino a sostenibilità alimentare, economica e sociale", ha affermato il presidente di VeronaFiere Maurizio Danese.

E ora l'appuntamento è dal 31 gennaio al 3 febbraio 2024 per la prossima edizione.

trattori-macchine-agricole-fieragricola-2022-mar-2022-fonte-veronafiere-ennevi.jpg
Focus particolare al digital farming e alle agroenergie Fonte foto: ©Veronafiere - EnneviFoto