Santandrea: "Promuovere i vini romagnoli tramite il territorio"

La neopresidente del Consorzio Vini di Romagna è Ruenza Santandrea, che guarda alla collina romagnola e allo storytelling per valorizzare i vini romagnoli

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

ruenza-santandrea-fonte-legacoop-romagna.jpg

Ruenza Santandrea, eletta da poco presidente del Consorzio vini di Romagna
Fonte foto: © Legacoop Romagna

Ruenza Santandrea è la neopresidente del Consorzio vini di Romagna, eletta all'unanimità dal Cda del Consorzio pienamente rinnovato, per un mandato nel triennio 2020-2022. E' la prima presidente donna nella storia del Consorzio, fondato nel 1962. Succede a Giordano Zinzani, numero uno dell'ente per quattro mandati consecutivi. Faentina, classe 1954, Ruenza Santandrea è un nome molto noto del panorama vinicolo regionale e nazionale. Da sempre ha svolto attività professionale nell'ambito della consulenza direzionale nel mondo produttivo agrario, divenendo poi nel 2005 presidente del Gruppo Cevico e delle società controllate fino al 2017. Durante la presidenza in Cevico, è stata responsabile del settore vino nazionale per l'Alleanza delle Cooperative italiane.

"Il vino romagnolo vive un momento complicato come gran parte del settore a livello nazionale, ma ci sono buone fondamenta su cui lavorare – ha sottolineato in prima battuta la Santandrea – la situazione si è complicata ancora di più con il momento storico attuale. L'emergenza Covid, con il lockdown, ha azzerato i consumi di vino sul canale Horeca, che per il nostro comparto è davvero molto importante e le maggiori vendite nella Gdo non hanno compensato questo forte calo".

Questa situazione potrebbe portare ad avere cantine con invenduto prima della vendemmia.
"Mancano due mesi all'inizio della vendemmia, è ancora molto presto per dare notizie precise su quantità, qualità e prezzi – continua la Santandrea – la variabile clima è talmente indefinita questa estate che non ci si può sbilanciare. Al momento possiamo intravedere una buona sanità delle uve e una produzione nella media, ma è difficile stabilire se l'invenduto ancora in giacenza potrà raffreddare in partenza i prezzi dell'uva. Speriamo innanzitutto in un rimbalzo dei consumi nella seconda metà dell'anno".

Passando al ruolo del Consorzio vini di Romagna, la presidente ha idee chiare condivise con tutta la comunità dell'ente di tutela. "Abbiamo vini importanti, di qualità, come per esempio il Sangiovese, che si porta una storia fatta di grande tradizione. Dobbiamo raccontare al meglio quella storia, lavorando sì su marketing e comunicazione, ma facendo un vero e proprio storytelling, coinvolgendo tutto il territorio. Come romagnoli siamo stati bravissimi a valorizzare la nostra Riviera, ma forse ci siamo un po' dimenticati della nostra splendida collina. Raccontare il nostro vino insieme al territorio, ai percorsi enoturistici, alla cultura gastronomica locale ricchissima. In questo modo potremo valorizzare al meglio i nostri vini sia in Italia che all'estero".

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: vino viticoltura mercati made in italy vitivinicoltura associazioni di categoria

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 240.059 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner