Calabria, contro la crisi Gallo punta sulla Gdo

L'assessore regionale vuole un protocollo d'intesa: per avere più prodotti calabresi sugli scaffali della Gdo territoriale e aiutare settori importanti come zootecnia e florovivaismo

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

gianluca-gallo-20-mar-2020-regione-calabria.png

Sul piatto la Regione Calabria metterà le risorse per la promozione dei prodotti calabresi
Fonte foto: © Regione Calabria

In Calabria la crisi indotta dalla chiusura del canale Horeca - parte integrante delle misure sanitarie per il contenimento di Covid-19 - che si riflette sul settore agricolo regionale, in particolare sulla zootecnia da carne e da latte, spinge il neo assessore regionale Gianluca Gallo a tentare la via dell’alleanza tra produttori agricoli e grande distribuzione organizzata, accompagnata da una forte azione di promozione, sotto l’egida dell’ente regionale sui prodotti tipici locali.

“Sostenere il comparto agroalimentare calabrese incentivando la presenza di prodotti di qualità nostrani sugli scaffali dei supermercati, con la collaborazione della grande distribuzione organizzata”. E’ la proposta avanzata dall’assessore Gallo, nel corso di una videoconferenza tenuta, insieme al vice presidente della Giunta regionale, Nino Spirlì ed al dirigente generale del dipartimento Agricoltura, Giacomo Giovinazzo, con i rappresentanti della Gdo, delle organizzazioni di categoria agricole, di Unioncamere ed Unindustria calabresi.

“In questa fase di grave emergenza legata alla Covid-19 – ha sottolineato l’assessore Gallo - le aziende ed i produttori della filiera agroalimentare calabrese stanno continuando a garantire quotidianamente, con grandi sacrifici, l’afflusso costante sul mercato di beni di prima necessità, anche di qualità. Le negative ripercussioni della pandemia stanno però creando più di una criticità in diversi settori. Parliamo ad esempio del florovivaismo, del circuito lattiero-caseario, del comparto della carne”.

“Pur nella consapevolezza che le debolezze strutturali di sistema potranno essere sanate solo attraverso una stretta integrazione tra politiche e programmi di vario livello istituzionale – ha aggiunto - d’intesa con la presidente Jole Santelli auspichiamo la massima collaborazione tra le istituzioni ed il mondo della grande distribuzione organizzata che, ben conoscendo il valore e le potenzialità delle produzioni agroalimentari calabresi, può adoperarsi per favorirne la valorizzazione”.

Gallo ha quindi auspicato un accordo per la promozione dei prodotti agroalimentari made in Calabria ed una loro più diffusa presenza sugli scaffali di supermercati e centri commerciali.

"L’obiettivo della Regione - ha spiegato Gallo, è quello di pervenire  - ad un protocollo con la grande distribuzione organizzata e gli altri attori economici del comparto agroalimentare regionale, che venga immediatamente istituzionalizzato e attraverso il quale si intraprenda una sfida per rilanciare l’economia dell’intera Calabria. La Regione ascolterà gli stimoli dei territori e degli operatori economici, immetterà liquidità nel circuito economico, soprattutto per supportare le famiglie meno abbienti e, allo stesso tempo, porterà avanti questa azione di promozione, la cui delega è in capo alla presidente, per far conoscere ai consumatori calabresi la qualità dei nostri prodotti”.
 

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Regione Calabria

Autore:

Tag: agroalimentare prodotti tipici grande distribuzione organizzata

Temi caldi: Coronavirus

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 250.658 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner