Vivaismo, buone nuove dalla legge di Bilancio per la commercializzazione

Da quest'anno sarà possibile acquistare e vendere piante di altre aziende per un incasso non superiore al 10% del fatturato con una tassazione agevolata

Matteo Giusti di Matteo Giusti

florovivaismo-vasi-by-mostafameraji-wikipedia-jpg.jpg

Vivaismo, con gennaio partono nuove agevolazioni fiscali
Fonte foto: Mostafameraji - Wikipedia

Ci sono novità per le aziende florovivaistiche riguardo alla possibilità di vendere prodotti acquistati da altre aziende.

La legge di Bilancio 2020 (all'articolo 1 comma 225) prevede infatti la possibilità di usufruire, in certi situazioni, del regime forfettario per la vendita di piante prodotte da altre aziende.

Da quest'anno quindi, entro il limite del 10% del fatturato, un'azienda vivaistica può comprare e rivendere piante da altre aziende considerandole come attività connessa a quella agricola e non come attività commerciale. In questo modo solo il 5% del ricavato da quelle piante sarà tassabile.

In pratica un'azienda che fattura 100mila euro, può acquistare e rivendere piante per un incasso totale di 10mila euro e il 5% di questi 10mila euro (500 euro) costituiranno l'imponibile Irpef.

Un provvedimento che offre alle singole un vantaggio fiscale che può non essere indifferente, ad esempio per gestire determinati ordini o per completare la gamma di prodotti da offrire ai clienti e, a livello di filiera, può incentivare gli scambi e le relazioni tra aziende, con una ricaduta positiva su tutto il comparto.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: leggi e decreti tasse e imposte vivai

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 214.018 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner