Puglia, ricognizione in corso per un Piano generale di bonifica

Coldiretti plaude all'iniziativa di ascolto del territorio da parte del commissario del Consorzio di bonifica Centro-Sud Puglia e ricorda l'urgenza di riavviare la manutenzione ordinaria e straordinaria delle opere esistenti

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

canale-bonifica-campi-by-matteo-giusti-agronotizie.jpg

L'ultimo piano generale di bonifica in Puglia fu approvato negli anni '70 del secolo scorso
Fonte foto: © Matteo Giusti - AgroNotizie

Il commissario del Consorzio di bonifica del Centro-Sud Puglia, Alfredo Borzillo, ha avviato un'operazione di ascolto dei territori per costruire un Piano generale di bonifica condiviso sui territori degli ex Consorzi di bonifica di Ugento Li Foggi, Terre d'Apulia, Arneo, Stornare e Tara, atteso che l'ultimo piano risale agli anni '70 del secolo scorso. Ma resta di cocente attualità la necessità di riattivare le opere di bonifica, bisognose di manutenzione ordinaria e straordinaria.

Plaude all'iniziativa consortile Coldiretti Puglia, da dove però si sottolinea: "Al contempo va avviato immediatamente un piano straordinario di opere di manutenzione affinché vengano ripristinati e riportati a regime i servizi ordinari a beneficio degli agricoltori".
Il tutto avviene a margine dell'incontro tra organizzazioni e Consorzio Centro-Sud Puglia volto ad avviare una ricognizione-programmazione delle attività manutentive sul reticolo idrografico, le infrastrutture esistenti e quelle in divenire, rese necessarie dal mutare dei territori e dai cambiamenti climatici per scrivere un nuovo Piano regionale di bonifica.

I Consorzi di bonifica pugliesi attuali – Capitanata, bonifica montana del Gargano e Centro-Sud Puglia – nel loro insieme, devono garantire lo scolo di una superficie di oltre un milione di ettari, e per farlo devono gestire un patrimonio enorme, fatto da circa 500 chilometri di argini, 265 briglie e sbarramenti per laminazione delle piene, 23 impianti idrovori, ben 1.126 chilometri di canali e 9.360 ettari di forestazione. E serviranno in futuro nuove opere, per fronteggiare i cambiamenti climatici e del territorio intervenuti nel frattempo.

Nel settore irriguo i Consorzi per la bonifica della Capitanata e Centro-Sud Puglia gestiscono una superficie servita da opere di irrigazione di oltre 210 mila ettari; 102 invasi e vasche di compenso; 24 impianti di sollevamento delle acque a uso irriguo; 560 chilometri di canali irrigui; circa 10.000 chilometri di condotte tubate.

"La Puglia ha certamente bisogno di un Piano generale di bonifica aggiornato e rispondente alle attuali necessità del territorio. Al contempo non si può non accelerare, trovando adeguate risorse pubbliche, il percorso di bonifica che deve riportare all'ordinarietà l'esistente, perché i contribuenti, gli agricoltori in tutta la Puglia, non possono continuare a pagare per servizi di cui non beneficiano. La Regione Puglia deve tenere fede agli impegni assunti in questi anni", ha detto il vicepresidente di Coldiretti Puglia, Alfonso Cavallo, nel corso dell'incontro con il commissario Borzillo e la struttura tecnica dei consorzi.

Il lungo commissariamento dei Consorzi di bonifica ha di fatto interrotto le attività di bonifica ordinarie per oltre 10 anni – ricorda Coldiretti Puglia - generando scontento tra gli utenti, contenziosi per danni e delegittimazione di fronte all'opinione pubblica.

"L'impegno della Regione Puglia era che il costituendo Consorzio di bonifica Centro-Sud Puglia si facesse carico, attraverso un piano organico pluriennale, a valere sui fondi comunitari, nazionali e regionali, delle opere di manutenzione ordinaria e di quelle divenute straordinarie per l'incuria – ha aggiunto il presidente di Coldiretti Brindisi, Filippo De Miccolis - al fine di non gravare di oneri impropri i consorziati, già colpiti sia patrimonialmente che nella formazione del reddito, in considerazione dei ripetuti danni subiti, a causa della mancata manutenzione delle strutture di bonifica"
De Miccolis ha inoltre ricordato le necessità del territorio: nuovi investimenti in opere di distribuzione di acqua potabile nelle aree rurali.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: AgroNotizie

Autore:

Tag: organizzazioni agricole ambiente bonifica acqua

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 228.864 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner