Dazi Usa, stangata sui liquori

Secondo i dati di Nomisma, dei 482 milioni di importazioni agroalimentari italiane negli Stati uniti colpite dal dazio aggiuntivo del 25%, ben il 35% riguarda liquori, amari, aperitivi e altre bevande spiritose

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

whiskey-distillati-liquori-by-alexlukin-fotolia-750.jpg

A essere fortemente colpiti dai dazi Usa, dopo i formaggi, saranno i liquori
Fonte foto: © alexlukin - Fotolia

Non solo i formaggi sotto la scure dei dazi imposti dal presidente Usa Donald Trump per i prodotti importati dall'Ue. Fra i prodotti agroalimentari più colpiti troviamo la categoria liquori, in particolare amari, aperitivi e altre bevande spiritose.

Negli oltre 5,4 miliardi di dollari di fatturato dell'export agroalimentare made in Italy negli Stati Uniti, i prodotti sottoposti al dazio aggiuntivo del 25% valgono 482 milioni, il 9% del totale. Di questi, il 48% è relativo ai formaggi, in particolare Parmigiano Reggiano e Grana Padano, mentre un altro 35% riguarda appunto i liquori, mercato in forte crescita nell'ultimo decennio.

"Non molti sanno che l'Italia condivide con la Germania la leadership mondiale dell'export di liquori – sottolinea Denis Pantini, responsabile agroalimentare di Nomisma – nel 2018 abbiamo venduto oltre frontiera qualcosa come 405 milioni di euro di questi prodotti, contro i 445 milioni dei tedeschi, ma a differenza loro, le cui esportazioni sono aumentate nel decennio del 37%, le nostre sono cresciute di ben il 47%".

Gli Stati Uniti sono il secondo mercato di sbocco per il nostro export di questi prodotti, e insieme ai mercati tradizionali europei (Germania, UK e Francia) assorbono i due terzi del nostro export complessivo. "Dall'elaborazione dell'Osservatorio 'Wine&Spirits' di Federvini curato da Mediobanca assieme a Nomisma emerge che oltre alle multinazionali italiane operanti sul mercato Usa – spiega Gabriele Barbaresco, direttore Area studi di Mediobanca – c'è un importante tessuto di imprese medio-piccole, con fatturato sopra i 10 milioni di euro, per un totale di 2.300 occupati e investimenti per quasi 50 milioni di euro".

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Nomisma

Autore:

Tag: agroalimentare import/export mercati formaggi made in italy distillati e spiriti dazi

Temi caldi: Dazi Usa-Ue

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.507 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner