Anche gli agronomi tra le figure ad alta specializzazione e professionalità

Il decreto Crescita li inserisce tra i tecnici qualificati a rendere più efficienti le opere pubbliche. Conaf: "Valorizzate le specifiche competenze che ha la nostra categoria"

sabrina-diamanti-conaf-by-conaf-jpg.jpg

Sabrina Diamanti, presidente del Conaf
Fonte foto: Conaf

C'è una importante novità nel decreto Crescita: i dottori agronomi e dottori forestali sono stati inseriti tra le figure professionali ad alta specializzazione ed elevata professionalità.

Il decreto, quindi, ha scelto di affiancare ingegneri, architetti e geologi integrando l'elenco dei tecnici da impiegare per efficientare e velocizzare lo svolgimento dei compiti dei Provveditorati interregionali alle opere pubbliche.
 
Un risultato raggiunto dal Conaf, il Consiglio dell'Ordine nazionale dei dottori agronomi e forestali, che ha presentato l'emendamento ad Alessio Villarosa e a Filippo Gallinella, presidente della Commissione Agricoltura, che lo hanno accolto inserendolo nell'articolo 47 del decreto.

"Un lavoro, quello svolto dal nostro Ordine, mirato a far comprendere le specifiche competenze che ha la nostra categoria in ambito di progettazione territoriale ed ambientale, in ambito di rischio idrogeologico e del settore forestale" come ha dichiarato Sabrina Diamanti, presidente del Conaf.

Come ha spiegato Stefano Villarini, coordinatore del dipartimento Lavori pubblici del Conaf: "I dottori agronomi e dottori forestali sono specialisti titolati a svolgere procedure progettuali, negli adempimenti di bonifica, difesa del suolo, ambientali (con la valutazione di impatto ambientale e la valutazione ambientale strategica) ma anche nella pianificazione territoriale extra urbana, ad esempio delle risorse idriche quando le opere strategiche si inseriscono nel tessuto agro-ecologico del territorio".

"Ci aspettiamo - ha continuato Villarini - che anche in ambito universitario le nostre ex facoltà di Agraria riescano a recepire nei giusti tempi le esigenze del mercato del lavoro in ambito della pianificazione e sostenibilità ambientale e di economia circolare".

Ora si attende il decreto del ministro delle Infrastrutture e dei trasporti per la definizione dei requisiti di cui il personale deve essere in possesso, ossia laurea specialistica, iscrizione all'albo professionale ed esperienza certificata nel settore di riferimento.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.358 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner