Sicilia, 260 milioni ai giovani agricoltori neoinsediati

Pubblicata ieri la graduatoria del "Pacchetto giovani", che prevede sia il premio da 40mila euro che finanziamenti sulla progettualità per investimenti nell'azienda agricola, attività extragricole e imboschimento

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

banconote-soldi-euro-by-wolfilser-fotolia-750.jpeg

Dalla sottomisura 4.1 arriveranno oltre 160 milioni per gli investimenti nelle strutture aziendali
Fonte foto: © Wolfilser - Fotolia

Il Programma di sviluppo rurale Sicilia 2014-2020 continua a fare passi in avanti: ben 260 milioni di euro andranno presto a 1.625 giovani imprenditori che per la prima volta si insediano in agricoltura.
Nella cifra è compreso non soltanto il “premio” pro capite di insediamento pari a 40mila euro, ma anche il congruo finanziamento di un progetto realizzato, a scelta, fra una serie di sottomisure complementari attivabili nell’ambito del “Pacchetto Giovani”. Lo prevede la graduatoria definitiva pubblicata ieri, 2 maggio 2019, dall’assessorato regionale per l’Agricoltura della Regione Siciliana, a valere sulla sottomisura 6.1 del Psr Sicilia 2014-2020.

Nello specifico la 6.1 destina 65 milioni di euro per il premio “Giovani insediati”, ovvero 40 mila euro per 1.625 giovani agricoltori di età non superiore a quaranta anni al momento della presentazione della domanda, che possiedono adeguate qualifiche e competenze professionali e che si insediano per la prima volta in un'azienda agricola in qualità di capo dell'azienda. A questa cifra si sommano 160 milioni per la sottomisura 4.1 per il sostegno a investimenti nelle aziende agricole.

Ma per i giovani imprenditori neoinsediati hanno attivato anche altre sottomisure: 25 milioni arrivano per l’attivazione della sottomisura 6.4 A "Investimenti per la creazione e lo sviluppo di attività extra agricole" e 10 milioni sono attinti alla sottomisura 8.1 "Sostegno alla forestazione/imboschimento".
La misura 6.1 per il premio ai giovani, in cluster con le altre tre sottomisure, ha una dotazione complessiva nell’assegnato pari complessivamente a 260 milioni di euro.

Vale la pena sottolineare che questa graduatoria, una volta divenuta spesa rendicontabile, contribuirà non poco a rilanciare il Programma siciliano, atteso che, al 31 dicembre 2018, su tutta la misura 4 per gli investimenti strutturali risultava ad Agea una spesa pubblica complessiva di 149,9 milioni di euro, mentre sull’intera misura 6 la spesa pubblica totale era inferiore di poco a 10 milioni.

“Arriva a compimento una misura del Psr Sicilia 2014-2020 attesa da anni, grazie alla quale favoriamo il ricambio generazionale dell’agricoltura siciliana e contestualmente l’avvio di nuove imprese in aree rurali gestite da giovani – afferma l’assessore per l’Agricoltura della Regione Siciliana, Edy BandieraLa larga partecipazione a questo bando è il segnale di una gran voglia da parte delle nuove leve di ritornare alla terra, contribuendo all’ammodernamento del settore agricolo e all’introduzione di nuovi processi e nuove tecnologie produttive”.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.390 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner