Gestione del rischio in agricoltura, 11° Convegno nazionale

Il prossimo venerdì 8 febbraio dalle 8.30, al Teatro Lyrick a Santa Maria degli Angeli di Assisi (Pg)

gestione-rischio-agricoltura-2019.jpg

Assisi (Pg), 8 febbraio 2019

Il prossimo venerdì 8 febbraio dalle 8.30, appuntamento al Teatro Lyrick di Santa Maria degli Angeli di Assisi (Pg) con l'11° Convegno nazionale sulla gestione del rischio in agricoltura, organizzato dal Cesar, Centro per lo sviluppo agricolo e rurale, di Perugia e Asnacodi in collaborazione con dipartimento di Scienze agrarie alimentari e ambientali dell'Università degli Studi di Perugia.

In apertura del convegno, moderato da Francesco Martella, Cesar e presidente dell'Ordine dei dottori agronomi e forestali di Perugia, saranno presentati gli effetti delle avversità climatiche che hanno caratterizzato la campagna agraria passata sull'agricoltura italiana ed europea.
Prenderanno poi la parola i dirigenti di Mipaaft e Agea che presenteranno il Piano di gestione dei rischi 2019 e che faranno il punto sui versamenti dei contributi agli agricoltori da parte di Agea, aspetto nevralgico, visti i ritardi che si sono accumulati nelle precedenti annualità.

"Il 2018 è stato l'anno del recupero delle erogazioni alle imprese agricole: sono arrivati i pagamenti relativi alle campagne assicurative 2015-2016-2017 e circa la metà della quota 2018 per le produzioni vegetali.
Rimane però ancora aperta la partita dei contributi per zootecnica e strutture dove si devono pagare gli aiuti nazionali, oltre ad un gruppo di imprese nell'ambito delle produzioni vegetali, soprattutto quelle che hanno presentato richiesta di riesame, le quali, per motivi diversi non hanno ricevuto nulla. Il primo impegno del 2019 dovrà quindi essere quello di portare a soluzione queste criticità
" ha dichiarato Albano Agabiti, presidente di Asnacodi.

Gli strumenti di gestione del rischio saranno al centro della seconda sessione. Dopo la presentazione di un'indagine che dà conto della differente diffusione dello strumento assicurativo nelle diverse aree del paese, saranno illustrate le polizze parametriche: una novità nel panorama italiano e un nuovo sistema di informazione legato al rischio climatico in agricoltura.
La terza sessione sarà dedicata alle politiche di gestione del rischio attuali e alle prospettive nella nuova programmazione della Pac.

Ma questi non saranno gli unici temi dell'appuntamento di Assisi. Sarà infatti analizzata la sinergia tra strumenti di protezione dei ricavi aziendali e accesso al credito, l'integrazione tra interventi finanziati dai Psr regionali e dal Psrn nazionale, acquisizione dei contributi sulla produzione effettivamente assicurata e non sulla media storica.

Sono attesi all'evento molti imprenditori agricoli e tecnici estimatori danni, dirigenti dei Condifesa italiani, di tutte le primarie compagnie di assicurazioni e broker, oltre a una qualificata rappresentanza di riassicuratori europei ed extra europei, a riprova dell'importanza del sistema della gestione del rischio in Italia.
Prenderanno parte al convegno: Angelo Frascarelli (Università di Perugia), Camillo Zaccarini e Raffele Borriello (Ismea), Silvia Lorenzini e Gabriele Papa Pagliardini (Agea), Pier Ugo Andreini (Ania), Mauro Serra BelliniEmilio Gatto e Giuseppe Blasi (Mipaaft), Luigi Gazzola (Allianz Se), Paola Grossi e Albano Agabiti (Asnacodi), Filippo Gallinella (presidente della Commissione Agricoltura della Camera), Fernanda Cecchini (assessore all'Agricoltura della Regione Umbria) Paolo De Castro (Commissione Agricoltura Parlamento europeo) e Herbert Dorfman (Commissione Agricoltura Parlamento europeo).
Le conclusioni saranno affidate a Franco Manzato, sottosegretario di Stato alle Politiche agricole.

L'evento è patrocinato da Mipaaft, Regione Umbria, Conferenza delle Regioni, Camera di commercio Perugia, Ania, Conaf.

Per maggiori informazioni:
Cesar, Centro per lo sviluppo agricolo e rurale - Tel 075 9724274 - Fax 075 973382 - sito web

Scopri i dettagli dell'11° Convegno sulla gestione del rischio in agricoltura

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 202.595 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner