Macfrut 2019, presentato il Piemonte come Regione partner

Simbolo di questa edizione sarà invece la mela rossa Igp. Cresce l'internazionalizzazione tramite i paesi dell'Africa Sub-Sahariana. Ufficializzato un accordo di partnership con il Crédit Agricole

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

presentazione-regione-partner-piemonte-fonte-macfrut.jpg

Un momento della conferenza stampa di presentazione del Piemonte come regione partner del prossimo Macfrut
Fonte foto: © Macfrut

Marcia a vele spiegate la promozione del Macfrut in Italia e all'estero in vista dell'edizione 2019 in programma, dall'8 al 10 maggio prossimo, alla Fiera di Rimini.
La grande novità è il Piemonte come Regione partner e il suo simbolo, la mela rossa, come prodotto della prossima edizione della fiera internaziona dell'ortofrutta.
Da anni la Regione Piemonte prende parte al Macfrut; già l'anno scorso era stato stipulato un accordo strategico tra Macfrut, Assortofrutta e AOP Piemonte per la promozione della Mela Rossa Igp.

Il settore ortofrutticolo piemontese conta una superficie di 55.830 ettari, per quasi 11mila aziende attive. Orticoltura, patate, mele, pesche e nettarine, kiwi, nocciolo e castagno sono i principali prodotti coltivati, e vanno ad alimentare un flusso di export sempre più crescente, con 5 miliardi di euro a valore nel 2017.

"La fiera è in grande crescita, ha registrato un +130% di fatturato negli ultimi quattro anni – spiega il presidente Renzo PiracciniCi sono ancora spazi ampi di sviluppo in un mercato globale. Quest'anno abbiamo scelto la mela rossa quale simbolo di Macfrut 2019, prodotto di eccellenza italiano per il mercato mondiale. Il Piemonte deve essere orgoglioso del suo sistema ortofrutticolo, qua ci sono tra le imprese più efficienti del settore".

Il Piemonte, per la 36esima edizione del Macfrut, si affianca al partner internazionale, ovvero l'Africa Sub-Sahariana, area ricca di opportunità per l'ortofrutta italiana, nell'ambito della fornitura di tecnologie e sementi.
E' stato programmato un piano di 30 missioni in giro per il mondo con tappe in quattro continenti. Fra le novità del 2019 anche due aree dinamiche, con Acqua Campus, con tutte le innovazioni in un campo dimostrativo, e il Macfrut Field Solution, un campo prova di 700 metri quadrati per vedere all'opera le più moderne tecnologie per il settore orticolo e frutticolo.

Sempre in ottica della partnership internazionale con i paesi africani della area sub-sahariana, ci sarà la seconda edizione del Tropical Fruit Congress, il summit europeo dedicato ai frutti tropicali, quest'anno suddiviso in tre sessioni, con la presentazione dei trend di mercato in Europa.

Dal punto di vista delle relazioni e degli accordi già formalizzati, a inizio settembre l'organizzazione del Macfrut ha ufficializzato la partnership con il gruppo bancario Crédit Agricole Italia, che diventa così business partner della manifestazione.
L'accordo ha come obiettivo quello di dare nuovo impulso alla filiera ortofrutticola italiana, attraverso il sostegno di un istituto di credito internazionale dalla consolidata esperienza nel settore agricolo. Fra i punti principali della collaborazione, la possibilità di favorire accordi di filiera attraverso una struttura di finanziamento ad hoc, la valorizzazione della relazione con il territorio e il sostegno all'internazionalizzazione con focus principale alle aziende dedicate all'export.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: frutticoltura ortofrutta fiere mercati macfrut accordo marchi di tutela

Temi caldi: Macfrut 2019

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 189.251 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner