Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
30 anni di Image Line
Una Mano per i Bambini

Retribuzione, stop al contante

A partire dal prossimo primo luglio entrerà in vigore il divieto per le aziende di pagare la retribuzione in contanti a dipendenti, collaboratori e soci lavoratori di cooperativa. A cura di CICA Bologna, Assistenza tecnica e servizi per lo sviluppo delle imprese

contanti-divieto-soldi-banconote-rifiuto-by-rawf8-fotolia-750.jpeg

Dovrà pagare una sanzione amministrativa pecuniaria compresa tra mille euro e 5mila euro chi non rispetterà la norma
Fonte foto: © Rawf8 - Fotolia

Fra poco meno di un mese, ossia il 1° luglio 2018, entrerà in vigore il divieto per le aziende di pagare la retribuzione in contanti a dipendenti, collaboratori e soci lavoratori di cooperativa (v. Legge di bilancio 2018 - articoli 911 e ss. della legge n. 205 del 27 dicembre 2017).

A partire dal prossimo primo luglio, quindi, datori di lavoro e committenti non potranno più corrispondere ai lavoratori/collaboratori la retribuzione/compenso, nonché ogni anticipo, per mezzo di denaro contante, indipendentemente dalla tipologia del rapporto di lavoro instaurato.

Le sole modalità di pagamento consentite saranno il bonifico bancario o postale, il pagamento in contanti presso lo sportello bancario o postale dove il datore di lavoro abbia aperto un conto corrente, l'emissione di un assegno consegnato direttamente al lavoratore o gli strumenti di pagamento elettronico.

Lo scopo di tale norma è quello di garantire maggiore trasparenza nella corresponsione degli emolumenti ai lavoratori, a tutela dei diritti dei lavoratori stessi, nonché di contrastare il fenomeno dell'economia sommersa attraverso la corresponsione di valori con modalità di pagamento tracciabili.

Nessuna esclusione a tale norma può essere effettuata in relazione alla brevità del rapporto di lavoro, come, ad esempio, per quanto attiene ai contratti subordinati a tempo determinato o intermittenti, ovvero per i rapporti di lavoro autonomo occasionali, previsti dall'art. 2222 del c.c.

Gli unici rapporti esclusi dal divieto al pagamento in contanti delle retribuzioni:
  • rapporti di lavoro instaurati con le Pubbliche amministrazioni (di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165);
  • rapporti di lavoro domestico (di cui alla legge 2 aprile 1958, n. 339 e a quelli comunque rientranti nell'ambito di applicazione dei Ccnl per gli addetti a servizi familiari e domestici, stipulati dalle associazioni sindacali comparativamente più rappresentative a livello nazionale).

Chi non rispetterà tale norma dovrà pagare una sanzione amministrativa pecuniaria compresa tra mille euro e 5mila euro.

Assistenza tecnica e servizi per lo sviluppo delle imprese 
nei seguenti settori
Agricoltura
 Progettazione e Sviluppo 
Finanziamenti pubblici agevolati
Organizzazione Aziendale
Energie Rinnovabili
Sito internet:  www.cicabo.it
 

Sito internet:  www.231academy.com

Fonte: 231Academy

Tag: scadenze lavoro

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner