Puglia, imprese agricole più efficienti con 60 milioni dal Psr

Redditività, competitività e sostenibilità: il provvedimento mira a potenziare il parco macchine e migliorare le reti irrigue aziendali

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

Questo articolo è stato pubblicato oltre 2 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

agricoltura-campo-agromeccanici-trattore-by-olympixel-fotolia-750x563.jpeg

La Puglia investe su competitività e sostenibilità delle aziende agricole
Fonte foto: © Olympixel - Fotolia

Innovare e potenziare il sistema delle imprese agricole pugliesi, attivando processi di ammodernamento, anche al fine di abbattere i costi di produzione e aumentare la diversificazione produttiva, per accrescere competitività.

E’ questo l’obiettivo del bando dell’Operazione 4.1.A del Programma di sviluppo rurale  Puglia 2014-2020, "Sostegno per investimenti materiali e immateriali finalizzati a migliorare la redditività, la competitività e la sostenibilità delle aziende agricole singole e associate", pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 87 del 28 luglio 2016. Sul piatto vi sono 60 milioni di euro, a disposizione di aziende agricole singole o associate, che potranno presentare domanda dal 5 settembre al 31 ottobre 2016.
 
“L’avviso ha l’obiettivo di migliorare redditività, competitività e sostenibilità delle aziende agricole pugliesi – sottolinea l’assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia, Leonardo Di Gioia - sostenendo innovazione tecnologica, attraverso l’introduzione di impianti, macchine, attrezzature e sistemi che migliorino la qualità dei prodotti e riducano i costi di produzione”.
 
“Si tratta di investimenti finalizzati, altresì, alla diversificazione colturale delle produzioni agricole regionali, migliorando sostenibilità ambientale delle attività produttive aziendali – sottolinea ancora Di Gioia, che ricorda come - questo intervento consente di realizzare impianti di approvvigionamento energetico da fonti rinnovabili come biomasse e mirati al risparmio idrico e all’efficientamento delle reti idriche aziendali”.
 
L’avviso dell’Operazione 4.1a del Psr Puglia 2014-2020 è dedicato agli imprenditori agricoli che intendano realizzare un progetto aziendale e agli agricoltori aggregati in organizzazioni di produttori, cooperative agricole di conduzione, reti di imprese o altre forme associate, costituite da almeno 5 imprese agricole.
 
Sono previsti, nel dettaglio, sostegni per impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili, per la costruzione ex-novo e ammodernamento di fabbricati rurali da utilizzare a fini produttivi agricoli e zootecnici, e per l’acquisto (o leasing) di macchinari nuovi e attrezzature, compresi programmi informatici. Innovazioni strutturali che hanno anche l’obiettivo, in un’ottica sostenibile, di ridurre l’uso di fertilizzanti e fitofarmaci.
 
L’accesso al portale del Sian - Sistema informativo agricolo nazionale è possibile dal 5 settembre alle ore 12,00 del 31 ottobre 2016. Le domande rilasciate dal portale, invece, dovranno essere inviate tramite Pec all’indirizzo competitivitaziendale.psr@pec.rupar.puglia.it entro e non oltre le ore 12,00 del 10 novembre 2016. Il bando, pubblicato sul Burp, è disponibile sul sito della Regione Puglia e sul sito dedicato allo sviluppo rurale della Puglia.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 187.366 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner