Accesso al credito più facile con Cia e Monte dei Paschi

Nuova intesa per sostenere il comparto agroalimentare: un'offerta di prodotti e condizioni vantaggiose riservate alle imprese associate alla Confederazione italiana agricoltori

Questo articolo è stato pubblicato oltre 6 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

soldi-euro-banconote-fonte-morguefile-nacu.jpg

Banca Monte dei Paschi di Siena e Cia insieme per facilitare l'accesso al credito
Fonte foto: © Nacu - Morguefile

Banca Monte dei Paschi di Siena e Cia - Confederazione italiana agricoltori hanno siglato un importante accordo commerciale per favorire l’accesso al credito delle imprese associate.

L’offerta prevede un’ampia gamma di prodotti e servizi per soddisfare le esigenze dei differenti comparti di attività di tutta la filiera, anche alla luce della centralità dell’attività agricola nell’economia del Paese. Accanto ai prodotti tradizionali, come il credito agrario di conduzione e anticipo contributi pubblici, vengono messi a disposizione soluzioni di finanziamento dedicate ai settori lattiero-caseario e vitivinicolo (conto latte, reimpianto vigneti e invecchiamento “Grandi Vini”), al fotovoltaico e allo sviluppo delle imprese rurali (prestito di dotazione, acquisto “Grandi Macchine” e leasing mezzi agricoli), oltre all’offerta di una vasta gamma di soluzioni assicurative innovative multigaranzia per i bisogni di protezione collegati alla persona e al patrimonio sviluppati da AXA MPS.

"Presentarsi sul mercato con una vasta gamma di offerte rappresenta un chiaro segnale di fiducia nei confronti delle aziende del settore primario - commenta Paolo Pellegrini, responsabile Servizio Marketing Strategico Retail di Banca Mps - L’accordo siglato con la Confederazione italiana agricoltori dimostra che Mps crede fortemente nelle potenzialità del comparto agroalimentare e conferma la nostra volontà di continuare a sostenere finanziariamente il sistema delle imprese agricole, attraverso misure creditizie che rispondono alle esigenze attuali del mondo imprenditoriale".

"Proprio le difficoltà di accesso al credito, insieme alla burocrazia elefantiaca, sono i due iceberg che rischiano di far affondare le imprese agricole, in particolare quelle giovani a cui le banche sono più restie a concedere prestiti - spiega Dino Scanavino, presidente nazionale della Cia - Per questo è importante l’intesa siglata oggi che, grazie anche alle condizioni più favorevoli previste dalla convenzione, può consentire alle aziende del comparto di tornare a fare investimenti e innovazione. Per riprendere la strada dello sviluppo bisogna scommettere sull’agroalimentare, un asset unico del Paese che vale oltre il 15 per cento del Pil".

Le banche negli ultimi tempi guardano sempre più all’agroindustria, sia perché l’industria classica ha mostrato maggiori segnali di cedimento di fronte alla crisi economica in atto, sia perché l’agricoltura risulta uno dei settori chiave per l’uscita dalla crisi dell’Italia. Banca Mps è impegnata da sempre nella ricerca delle migliori soluzioni creditizie per offrire la massima assistenza alle imprese del settore, anche attraverso un team di professionisti specializzati e una proficua collaborazione con la Cia su tutto il territorio nazionale.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 260.175 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner