Vino e legalità: a scuola da Cia e Libera Terra

A Vinitaly, nello stand della Confederazione, si tengono lezioni per studenti post-laurea, i futuri ambasciatori dei prodotti agroalimentari italiani nel mondo

Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

giovani-ragazza-donna-donne-vite-vigneto-uva-igor-mojzes-fotolia-750x500.jpg

Cia: 'Questi ragazzi che si stanno formando e preparando con anni di studio, master e specializzazioni, saranno, domani, i nostri migliori testimonial'
Fonte foto: © Igor Mojzes - Fotolia

Argentina, Usa, Cina, Giappone, Regno Unito, Indonesia. Sono arrivati da ogni angolo del mondo per seguire corsi di specializzazione e master in “Food & Wine” all’Università di Bologna. La Cia, Confederazione italiana agricoltori, in collaborazione con Libera Terra, li ha voluti ospiti nel proprio stand alla 48ª edizione del Vinitaly.

L'iniziativa, oltre a far degustare le migliori produzioni vitivinicole italiane, intende spiegare storia e tradizioni del settore, opportunità e potenzialità sui mercati, ma anche introdurre al tema della legalità raccontando come l’esperienza, portata avanti insieme da Cia e Libera Terra, abbia permesso di rendere produttivi e “puliti” molti terreni confiscati alle mafie. Quelle terre che oggi, attraverso il lavoro di cooperative di giovani, creano prodotti di qualità e apprezzati dai consumatori: vino, olio, pasta, frutta e formaggi.

Diamo un grande valore a questa iniziativa - hanno sostenuto i rappresentanti di Cia e Libera Terra - perché tutti questi ragazzi che si stanno formando e preparando con anni di studio, master e specializzazioni, saranno, domani, i nostri migliori testimonial. Sono tutti potenziali ambasciatori nel mondo delle grandi produzioni enogastronomiche ‘made in Italy’ e spiegheranno come il Belpaese sia attivo sul fronte dei valori e della legalità”.

L’azione di Cia e Libera - concludono gli organizzatori dell’iniziativa - è tesa anche a sgretolare finalmente quell’immagine stereotipata che nel mondo ci vede come inaffidabili e, purtroppo, ‘mafiosi’”.

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 203.178 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner