Corso per imprenditori agricoli, il 50% sono donne

Apertura del corso a San Michele all'Adige con l’assessore Mellarini ed il presidente Salamini

Questo articolo è stato pubblicato oltre 8 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

formazione_agricola_iasma.jpg

Al via la nuova edizione del corso per imprenditori agricoli. Alla Fondazione Edmund Mach di San Michele all’Adige è stato inaugurato il percorso formativo 2011/2013 alla presenza del presidente Francesco Salamini e dell’assessore provinciale all’Agricoltura, Tiziano Mellarini

La nuova squadra è composta da 64 partecipanti. 29 le donne, circa la metà degli iscritti: una percentuale mai raggiunta in questo percorso formativo che conta 25 anni di attivazione. E 64 sono anche i nuovi imprenditori  agricoli che hanno concluso il corso 2009/2011 e hanno ricevuto il brevetto.

In Trentino ci sono oggi 8mila operatori (agricoltori) professionali, di cui circa 900 zootecnici e 7.100 fruttiviticoli, su un totale di circa 20mila addetti. Quindi, circa il 60% degli operatori è part time e non riesce a ricavare dal settore agricolo un reddito sufficiente.

Dall’anno di attivazione (1986) ad oggi, il corso per la qualificazione professionale dei giovani imprenditori agricoli ha registrato circa duemila iscritti. L’iniziativa si inserisce nell’ambito dell'attività di qualificazione professionale agricola programmata dal Centro istruzione e formazione grazie al finanziamento del Piano di Sviluppo Rurale della Provincia autonoma di Trento. Il percorso formativo è rivolto ai giovani che intendono ottenere il premio di primo insediamento in azienda agricola, ma non sono in possesso di un titolo di studio rilasciato da una scuola superiore agraria.

Così come per le passate programmazioni, anche i giovani che frequentano questo corso, potranno godere all’inizio della loro attività agricola di un premio di insediamento, oggi pari a 40mila euro. Oltre a ciò, più interessante, è la forte priorità riservata ai giovani insediati dalle misure del piano di sviluppo rurale, accanto a una maggiorazione dell’aiuto pari al 5% rispetto alle percentuali previste dal Psr stesso.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 239.258 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner