Incentivi alle rinnovabili, proposte di modifica del Decreto legislativo

Conferenza stampa a cura delle associazioni del settore. Roma, 14 gennaio 2011. Sala del Senato della Repubblica, Palazzo Bologna (Via di S. Chiara, 4) ore 11.00

Questo articolo è stato pubblicato oltre 8 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

energie-rinnovabili.jpg

Le associazioni no profit del settore delle rinnovabili Fondazione Sviluppo Sostenibile, Ises Italia e Kyoto Club e quelle di categoria Greenpeace, Legambiente e Wwf organizzano il prossimo venerdì 14 gennaio presso la Sala del Senato della Repubblica (Via di S. Chiara, 4) alle ore 11 una conferenza stampa durante la quale saranno illustrati gli emendamenti da loro proposti e presentati al Parlamento per modificare lo schema del decreto legislativo di recepimento della Direttiva 2009/28 sulle fonti rinnovabili.

Per le suddette organizzazioni, infatti, lo schema di decreto che riorganizza il sistema degli incentivi alle fonti rinnovabili, pur contenendo alcuni elementi positivi, prevede una revisione dei meccanismi incentivanti che rischia di bloccare lo sviluppo delle fonti rinnovabili in Italia e che potrebbe avere conseguenze negative per il settore.

Il testo, infatti, emanato con il proposito di sistematizzare la materia degli incentivi alle rinnovabili, rischia in realtà di frenare lo sviluppo di alcune delle tecnologie più promettenti, come l’eolico e il solare fotovoltaico

L’obiettivo degli emendamenti proposti è dunque quello di correggere e migliorare il testo del decreto per garantire la stabilità del mercato delle rinnovabili, l’efficienza degli incentivi e il perseguimento degli obiettivi fissati al 2020. Durante la mattinata interverranno Mariagrazia Midulla (Wwf), Giuseppe Onufrio (Greenpeace), Edo Ronchi (Fondazione Sviluppo Sostenibile), Gianni Silvestrini (Kyoto Club), Edoardo Zanchini (Legambiente) e G.B. Zorzoli (Ises Italia).

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.674 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner