Schmack Biogas conquista altri due paesi: Francia e Germania

Cantieri già aperti, in entrambi i casi si tratta del più grande impianto del paese

Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

schmack_biogas.jpg
Schmack Biogas continua ad essere molto attiva in campo internazionale: nel corso dell'estate 2009, la società con sede a Schwandorf, Baviera, è sbarcata in due nuovi mercati europei.
Nel mese di luglio sono cominciati in Gran Bretagna, a Stoke Bardolph, non lontano da Nottingham, i lavori per la realizzazione di un impianto biogas, dalla potenza di 2 MW.
L'impianto sarà alimentato con insilato di mais e insilato di piante intere, ed è stato commissionato dalla Severn Trent Water, azienda di pubblica utilità, ed una delle dieci società fornitrici di acqua privatizzate in Inghilterra.
Alla fine di settembre sono invece iniziati i lavori a St. Gilles du Mené, in Bretagna. Qui Schmack sta costruendo, per conto di Géotexia Mené S.A., un impianto da 1,6 MW elettrici, alimentato perlopiù con scarti di provenienza agricola.
Francia e Gran Bretagna, dunque, si aggiungono a Germania, Italia, Austria, Paesi Bassi, Lussemburgo, Polonia, Giappone e Stati Uniti, portando a dieci i paesi dove sono attivi impianti Schmack.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 195.866 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner