Schmack e Fri-El Biogas Holding raddoppiano: per un cantiere concluso, ne aprono due

Quasi al termine i lavori per l'impianto biogas a Codroipo, mentre stanno cominciando quelli a Costa di Rovigo ed a Manduria

Questo articolo è stato pubblicato oltre 10 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

Schmack Biogas - logo.jpg
Intenso inizio d’anno per Schmack Biogas e Fri-El Biogas Holding sul fronte dei  cantieri per i nuovi impianti biogas.
Entro la fine del mese di febbraio, infatti, l’impianto realizzato da  Schmack per Fri-El Biogas Holding che sta sorgendo a Codroipo (UD), vedrà ultimati i lavori di costruzione delle vasche. Già da qualche giorno, tuttavia, è in corso la fase di avviamento biologico dell’impianto. 'Questo significa', spiega Carlo Algieri, presidente di Schmack Biogas, che ha progettato e costruito  l’impianto, 'che i nostri tecnici stanno riempiendo le vasche con del liquame riscaldato. Il liquame contiene infatti naturalmente i batteri metanigeni, che faranno poi funzionare l’impianto. Si tratta ora di fare sì che, per così dire, si ambientino nella loro nuova casa, garantendo loro il calore e le biomasse necessarie alla  riproduzione e quindi alla formazione del primo biogas. Di lì a poco la produzione sarà sufficiente affinché si  possa accendere per la prima volta il motore e l’impianto si potrà dire avviato'.
E per un cantiere che sta per chiudere, altri due stanno per aprire: si stanno infatti svolgendo le lavorazioni  preparatorie all’apertura del cantiere a Manduria (TA) ed a Costa di Rovigo (RO). Sono dunque oramai tre  gli impianti che verranno realizzati dalle due aziende.  

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.323 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner