La gestione del sottofila e la difesa fitosanitaria in vigna

Giovedì 21 luglio a Susegana la prova in campo organizzata da Condifesa Treviso. Oltre 100 macchinari high tech, in collina robot per i terrazzamenti, droni e Gps, per la pianura irroratrici a recupero

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

droni-fonte-condifesa-treviso.jpg

Colfosco di Susegana, 21 luglio 2016

Il meglio della tecnologia e della meccanica per il vigneto fa tappa a Colfosco di Susegana. Torna venerdì 21 luglio, dalle 9 alle 18 (località S.Anna), la giornata dimostrativa organizzata da Condifesa Treviso. Numeri da record per questa edizione: basti dire che saranno oltre 100 i macchinari in esposizione statica e dinamica con prova in campo, una trentina le aziende produttrici e rivenditrici coinvolte.

Lo slogan di questa edizione è forte, ma ben chiaro 'più meccanica, meno chimica' per i nostri vigneti. La provincia di Treviso – spiega il presidente Condifesa, Valerio Nadal - è l’area più vitata del Veneto con una estensione che supera i 33 mila ettari e il territorio del Prosecco è già l’epicentro dell’innovazione in campo viticolo. L’obiettivo di questa giornata è informare gli agricoltori sui vantaggi in termini ambientali ma anche economici degli investimenti in tecnologia e nuove macchine”.

L’appuntamento di giovedì è realizzato da Condifesa con la collaborazione di Unacma, Unione nazionale commercianti macchine agricole, e il coinvolgimento di Apima, Associazione provincia imprese di meccanizzazione agricola. Si potranno vedere le irroratrici a recupero di nuova generazione, macchinari che proprio in provincia di Treviso hanno visto le prime applicazioni e oggi trovano qui la maggiore diffusione: sono già 300 nei vigneti di pianura (erano solo 6 nel 2009, 100 nel 2012). Utilizzate per i trattamenti fitosanitari sulle viti, riescono ad abbattere in media del 40% l’utilizzo di fitofarmaci nel corso della stagione, grazie a sistemi di schermatura delle piante che riducono le vie di fuga e la dispersione nell’aria. Per ogni ettaro significa un risparmio intorno ai 300 euro, pari a 80 kg di prodotti chimici. Calcolatrice alla mano, se si riuscisse ad estenderne l’utilizzo in tutti i vigneti della Marca Trevigiana le aziende agricole risparmierebbero 10 milioni di euro l’anno e oltre 2.600 tonnellate di prodotti chimici non finirebbero nell’ambiente.

E’ chiaro, l’investimento in macchinari di questo genere (una irroratrice a recupero può costare sui 50mila euro), può essere difficile per una piccola azienda viticola, in media di soli 3 ettari nel trevigiano. Per questo, abbiamo coinvolto i conto-terzisti dell’Apima – spiega il direttore di Condifesa, Filippo Codato – perché l’economia viticola locale, se pur polverizzata in piccole aziende, sappia fare sistema, creando economie di scala a beneficio dell’ambiente e della salute di tutti, cittadini che abitano vicini ai vigneti e agricoltori”.

D’altra parte, la viticoltura di collina ha esigenze – anche in termini di macchinari – ben diverse rispetto a quella di pianura. Nell’area storica del Prosecco, nel Conegliano-Valdobbiadene, è quasi impossibile l’utilizzo di irroratrici a recupero per via dei terrazzamenti impervi. “Per le prove in vigneto arriveranno macchinari anche dalla Germania e dall’Alto Adige, dove già si è affrontato il problema - prosegue il tecnico Condifesa, Odino Bin – come i mini cingolati in grado di muoversi su tratturi anche di 60 cm di larghezza, dove finora si è lavorato solo a mano: robotizzati e radio comandati sono capaci di sfalciare e trinciare anche su pendenze estreme del 55%. Un passo avanti, nella limitazione del diserbo e in termini di sicurezza se pensiamo che gli incidenti per ribaltamento fanno registrare quasi una vittima ogni anno nel Trevigiano”.

Meccanica che si abbina alla tecnologia dell’agricoltura di precisione: grazie alle mappature digitali dei vigneti (Ndvi) e al controllo satellitare Gps è possibile oggi arrivare a trattare le piante con precisione al centimetro, senza sprecare una goccia di agrofarmaco. Non mancheranno quindi i droni ormai indispensabili per il rilevamento aereo.

Per maggiori informazioni sull'evento clicca QUI

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 196.123 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner