Twister di Ricosma, l'evoluzione negli atomizzatori

Grande versatilità per questi atomizzatori trainati e portati, impiegabili in vigneto e in frutteto con differenti esigenze di trattamento e dosaggi variabili

Questo articolo è stato pubblicato oltre 10 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

ricosma-atomizzatore-twister-in-vigneto(2).JPG

L'atomizzatore Twister all'opera in vigneto

Un atomizzatore evoluto, in grado di garantire un'ottimale distribuzione dei prodotti per i trattamenti rispettando l'ambiente e le persone che vi operano ogni giorno. E' Twister, il nuovo atomizzatore trainato o portato progettato e realizzato da Ricosma, azienda di Lonigo (VI), specializzata in soluzioni per l'irrorazione, atomizzatori e polverizzatori, forte di un'esperienza nel settore fin dal 1964.

Cuore dell'innovazione della nuova macchina è il sistema di ventole adottato: Twister utilizza due ventole assiali controrotanti e convogliatori con particolari sagomature studiate appositamente affinché la distribuzione dell'aria avvenga in maniera perfettamente omogenea e simmetrica su ambedue i lati, così da ottenere una distribuzione del trattamento uniforme a destra come a sinistra, senza cioè i tipici scompensi tra un lato e l'altro che si possono riscontrare con l'utilizzo di macchine tradizionali equipaggiate con un'unica ventola. 

In più, il particolare assetto di Twister ne consente l'applicazione ottimale, per sicurezza ed efficacia, sia in vigneto sia in frutteto con impianti di diverse tipologie: a spalliera, mezza pergola trentina, etc. 

In particolare le sagomature dei convogliatori sono disponibili in due diverse versioni: la prima caratterizzata da una conformazione studiata per ottimizzare il flusso d'aria nell'impiego su frutteti a sesto alto – per un trattamento efficacie anche per piante che arrivino ai 6-8 metri di altezza - la seconda invece ottimizzata per l'utilizzo in impianti a spalliera

La nebulizzazione del prodotto avviene per polverizzazione meccanica e con l'adozione del sistema a doppio ugello e degli ATR in ceramica forniti di serie è possibile optare per trattamenti sia a basso sia ad alto volume. La regolazione del dosaggio può essere effettuata sia in manuale tramite intuitivi controlli elettronici che agiscono sull'apertura e chiusura delle elettrovalvole poste in prossimità degli ugelli. A richiesta, Twister può essere dotato di computer di bordo con un sistema computerizzato di controllo per una distribuzione proporzionale alla velocità di avanzamento basato sui computer Bravo 180 o Bravo 300 prodotti dalla ARAG di Rubiera (RE). 

Proprio questa sua capacità di adeguarsi alle diverse necessità di nebulizzazione e l'ottimale distribuzione dei fitofarmaci rendono Twister un atomizzatore in grado di operare con un basso impatto ambientale e un importante risparmio, grazie al risparmio del prodotto utilizzato per il trattamento, ma anche di energia e quindi di gasolio.

La famiglia Twister comprende atomizzatori equipaggiati con serbatoi di diverse portate: 1.000, 1.500, 2.000, e 3.000 litri per le versioni trainate; 400, 500, 600, 800 e 1.000 litri per le versioni portate. 

La commercializzazione di questa nuova linea di atomizzatori trainati e portati è partita nel 2008, dopo due anni di test e prove e una verifica in campo durata un'intera stagione.

 

Fonte: Ricosma

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.197 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner