Regole e protocolli Covid-19 per trasferte, corsi e convegni

L'impresa può chiedere informazioni sullo stato di salute e sull'avvenuta vaccinazione ai propri dipendenti? A cura di CICA Bologna, Assistenza tecnica e servizi per lo sviluppo delle imprese

231 Academy CICA Bologna di 231 Academy CICA Bologna

vaccino-covid-19-coronavirus-siringa-by-new-africa-adobe-stock-750x500.jpeg

I lavoratori in trasferta fuori Italia dovranno avere il certificato Covid europeo, in assenza dovranno rispettare le regole su tampone e quarantena (Foto di archivio)
Fonte foto: © New Africa - Adobe Stock

Il datore di lavoro non può chiedere al dipendente soggetto a trasferte, corsi e/o convegni se si è sottoposto a vaccinazione, ma deve attenersi ai nuovi protocolli di sicurezza anti Covid-19.

Le imprese potrebbero ricorrere al green pass vaccinale per tutelare il lavoratore e la continuità aziendale, ma il Garante privacy impedisce all'impresa di chiedere informazioni precise sullo stato di salute e sull'avvenuta vaccinazione Covid-19, salvo per alcune categorie di lavoratori come il personale sanitario. I lavoratori che si spostano frequentemente per lavoro, invece, non possono essere interrogati su questo aspetto. Inoltre, è vietato l'obbligo vaccinale per svolgere specifiche mansioni, a meno che non sia previsto da leggi nazionali.


Trasferte post Covid-19

Le norme Covid-19 sugli spostamenti fra regioni gialle e bianche consentono le trasferte in tutta Italia senza limitazioni, quindi i lavoratori che effettuano spostamenti a livello nazionale non hanno bisogno di certificazioni. Sono escluse le zone rosse e arancioni, dove viene richiesta l'autocertificazione.

I lavoratori in trasferta fuori Italia dovranno avere il certificato Covid europeo, in sua mancanza dovranno rispettare le regole su tampone e quarantena (che cambiano a seconda del Paese di destinazione). Per consultare tali regole si consiglia il portale Re-open Ue, sito ufficiale della Commissione europea con la mappa di rischio aggiornata e il dettaglio delle misure previste.


Protocolli aziendali

Nelle linee guida dei protocolli Covid-19 si prevede di programmare le trasferte nazionali ed internazionali in collaborazione con il medico competente, l'unico al corrente dello stato di salute del dipendente, tenendo conto delle diverse tipologie di trasferta previste, anche in riferimento all'andamento epidemiologico delle sedi di destinazione.

Nei nuovi protocolli validati dal Comitato tecnico scientifico non ci sono indicazioni sulla necessità di certificazione verde per i convegni, che sono ripresi dal 15 giugno scorso, né per i corsi di formazione in presenza, che ripartono il primo luglio. Non si escludono aggiornamenti degli attuali protocolli, anche con disposizioni di coordinamento con le norme sul green pass - certificato Covid europeo.

Assistenza tecnica e servizi per lo sviluppo delle imprese 
nei seguenti settori
Agricoltura
 Progettazione e Sviluppo 
Finanziamenti pubblici agevolati
Organizzazione Aziendale
Energie Rinnovabili
Sito internet:  www.cicabo.it
 

Sito internet:  www.231academy.com

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: 231Academy

Autore:

Tag: unione europea sicurezza sul lavoro salute

Temi caldi: Coronavirus

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 263.993 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner