Psr Lazio, i pagamenti per le zone montane 2021

A disposizione fino a trecento euro ad ettaro per le aziende di montagna. Scadenza il 17 maggio 2021, all'interno il link al bando

alatri-lazio-by-megalos-alexandros-wikipedia-jpg.jpg

Veduta di Alatri e del suo territorio, uno dei comuni classificati come montani e oggetto del bando
Fonte foto: Magalos Alexandros - Wikipedia

Il Lazio ha aperto il bando per i pagamenti compensativi per le zone montane, attivato sulla sottomisura 13.1 del Psr con una disponibilità totale di 13,5 milioni di euro.

L'obiettivo del bando è quello di fornire un contributo per compensare i maggiori costi e la minore produttività delle zone agricole in montagna, così da evitarne l'abbandono e garantire il mantenimento del paesaggio e la tutela della biodiversità agraria.

Al bando possono partecipare come beneficiari gli agricoltori singoli o associati che conducano almeno 1 ettaro di terreni effettivamente coltivati in zone classificate come montane e elencate nell'allegato 1 del bando.

I prati pascoli e i pascoli possono essere considerati come superficie valida per la richiesta del contributo solo se l'azienda ha un carico di bestiame con un rapporto di almeno 0,2 Uba/ettaro rispetto a queste superfici.
Il bestiame allevato può essere rappresentato da bovini, ovini, caprini, suini, equidi, conigli, avicoli e anche da daini, caprioli o cervi o altri volatili.

Il bando prevede un contributo ad ettaro forfettario di:
  • 300 euro/ettaro per aziende da 1 a 10 ettari di Sau;
  • 240 euro/ettaro per aziende da 10,01 a 20 ettari di Sau;
  • 150 euro/ettaro per aziende da 20,01 a 30 ettari di Sau.
Il contributo può essere cumulato a quelli per l'agricoltura biologica previsti dalla misura 11, a quelli per il benessere animale previsti dalla misura 14 e alle operazioni 10.1.8 e 10.1.9 sulla conservazione della biodiversità agraria vegetale e animale. Non può essere invece cumulato con altri pagamenti agro climatici ambientali previsti dalla misura 10.

I beneficiari che riceveranno il contributo avranno l'obbligo di mantenere la coltivazione del fondo, ed eventualmente il carico di bestiame necessario, per almeno un anno, cioè almeno fino al 18 maggio 2022.

Le domande di contributo devono essere inviate ad Agea in modalità telematica tramite il portale Sian entro il 17 maggio 2021.
Per maggiori informazioni e dettagli si rimanda alla pagina ufficiale e al testo completo del bando.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 259.081 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner